Tonali con l'Italia Under 21, Nicolato: "Bravo, ha avuto la capacità di rientrare da noi"

Europei
©IPA/Fotogramma

Il centrocampista rossonero stava per essere convocato in Nazionale maggiore, ma Nicolato ha chiesto a Mancini di poterlo avere a disposizione per le prossime due gare con l'U21. Il Ct degli azzurrini: "Aveva già respirato il clima della Nazionale A, ma ha avuto la capacità non indifferente di calarsi nuovamente nella nostra realtà, non ho mai avuto dubbi su di lui"

ITALIA-SVEZIA UNDER 21 LIVE

La prestazione super, l’ennesima di questo inizio stagione, e il gol – il secondo in maglia rossonera, il primo su azione – al Gewiss Stadium nel successo del Milan contro l’Atalanta. Per Sandro Tonali stava per arrivare anche il "premi" più atteso, la convocazione in Nazionale maggiore: dopo l’infortunio di Pessina, Roberto Mancini aveva deciso di chiamarlo per gli impegni di Nations League, ma l’appuntamento tanto atteso con la Nazionale A è stato rinviato. Questo perché Paolo Nicolato, Ct della Nazionale U21, di cui Tonali è leader e capitano, ha chiesto a Mancini di poter avere il centrocampista a disposizione per gli importanti match di qualificazione al prossimo campionato Europeo del 2023 che attendono gli azzurrini contro Bosnia e Svezia. "Non ho dubbi su Tonali, la prima volta che ha vestito la maglia azzurra l'ha fatto con me nell’Under 18, quindi conosco lui e le sue qualità da molto tempo. Devo fargli un complimento particolare perchè Sandro, che aveva già respirato il clima della Nazionale A, ha avuto la capacità non indifferente di rientrare poi in Under 21. Non è una cosa facile dal punto di vista emotivo, e non è così scontato. Non ho nessun dubbio su di lui, è bravo, ha grande personalità ed è un ragazzo con cui mi lega anche un affetto particolare", le parole dello stesso Nicolato in conferenza stampa a Tirrenia.

"Bosnia e Svezia? Guai a rilassarci"

leggi anche

Dimarco e Calabria sostituiscono Pessina e Toloi

Il Ct dell’Italia Under 21 ha poi lanciato un chiaro messaggio al gruppo azzurro: "La prima sarà una gara molto difficile. Giochiamo in Bosnia, contro una squadra molto quadrata e difficile, che ha pareggiato con la Svezia e ha perso immeritatamente con l'Irlanda. Una partita che sarà molto complicata, soprattutto perché è la prima delle due, contro una squadra molto ben organizzata e fisica, in un ambiente particolare". Guarda alta, dunque: "Contro la Svezia, che sulla carta è uno dei nostri maggiori competitor per il primo-secondo posto nel girone, vedremo intanto pensiamo alla Bosnia, non c'è da rilassarsi", ha concluso Nicolato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche