Coppa del Re, Barcellona "in campo" con le maglie cinesi: il cambio di casacca è d'obbligo

Liga

Reduce dall'1-1 nel Clásico d'andata di Coppa del Re contro il Real Madrid, il Barça aveva intenzione d'indossare le maglie dai nomi scritti in caratteri cinesi per le celebrazioni del Capodanno. Peccato che la Federcalcio spagnola abbia bocciato l'iniziativa: ecco quindi che, dopo l'ingresso in campo con le divise personalizzate, gli uomini di Valverde hanno disputato il match con le casacche d'ordinanza

COPPA DEL RE, 1-1 NEL CLASICO D'ANDATA AL CAMP NOU

COPPA DEL RE, IL PROGRAMMA DELLE SEMIFINALI

IL BARÇA BOCCIA LA NUOVA MAGLIA: TROPPO 'BLANCA'

L’ha fatto l’Inter, ci ha provato pure il Barcellona. Si parla di tentativo perché, nonostante l’ampia promozione destinata sui social, la maglia blaugrana ammirata contro il Real Madrid non aveva nulla di originale. Doveroso ricordare come il Capodanno cinese abbia delle ripercussioni pure sul calcio, quantomeno in termini di marketing: ne è conscia la dirigenza catalana che, nel tentativo d’insediare il nome del club in Oriente prima della tournée asiatica nella prossima estate, ha pensato di celebrare l’anno del maiale direttamente sulle divise da gioco. Nelle intenzioni, infatti, il Barça doveva sfidare i Blancos nella semifinale d’andata di Coppa del Re con delle casacche speciali: sulla falsariga di quanto realizzato dall’Inter, i nomi dei giocatori di Valverde dovevano presentare la scrittura tradizionale e quella in caratteri cinesi. Peccato che l’omaggio alla Cina sia andata in scena solo nel pre-partita e durante l’ingresso in campo.

La celebrazione del Capodanno cinese in casa Barcellona, promosso nelle ore precedenti al Clásico sui propri account Twitter ed Instagram, è durata infatti solo prima del fischio d’inizio. Come riporta AS, la Federcalcio spagnola non ha gradito lo slancio cinese dei blaugrana a caccia di fedelissimi in Oriente approfittando dell’incontro più importante su scala mondiale. È stata proprio la RFEF, organizzatrice della Coppa del Re, a bocciare l’iniziativa dei catalani dal curioso stratagemma: niente maglia cinese dal fischio d’inizio dell’arbitro Mateu Lahoz, ma non prima. Ecco quindi che Busquets e compagni hanno sfilato al Camp Nou indossando le divise personalizzate dall’ingresso in campo ai saluti di rito con gli avversari del Real Madrid. Poi, rispettando così il divieto giunto dall’alto, le hanno tolte indossando le abituali camisetas per affrontare i Blancos di Solari. Un Barça cinese a metà per la gioia di tutti gli appassionati, i quali potranno comprare le maglie speciali in edizione limitata negli store ufficiali del club.

I più letti