Nizza, Diaby-Fadiga si scusa per l'orologio rubato a Dolberg: "Ero geloso di lui"

Ligue 1

L'ormai ex giocatore del Nizza spiega i motivi che lo hanno portato a rubare l'orologio del compagno di squadra, Kasper Dolberg: "Ero geloso di lui. Il gesto è stato dettato dalla frustrazione"

NIZZA, LICENZIATO DIABY-FADIGA PER IL FURTO A DOLBERG

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Un errore che ricorderà a lungo. Diaby-Fadiga si è rivelato il colpevole del furto dell'orologio di Dolberg e il Nizza lo ha messo alla porta, licenziandolo. Il giocatore, davanti a dirigenti e staff, ha ammesso la sua colpa e ha chiesto scusa a tutti. Sui social network, poi, ha provveduto a pubblicare un post in cui ha spiegato le ragioni del suo gesto. "Dopo diversi giorni di turbolenze mediatiche senza precedenti per me, ho deciso di prendere la parola per fornire la mia versione - ha scritto il classe 2001 -. Prima di tutto, vorrei scusarmi con i tifosi e gli appassionati del Nizza. Molti mi hanno supportato e accompagnato con gentilezza sin dal mio debutto professionale, quando da giovane sono arrivato in questo club all'età di 14 anni. Le loro reazioni sono all'altezza della delusione che provano nei miei confronti e devo loro delle spiegazioni. Ho indossato con orgoglio la maglia della mia squadra d'infanzia durante la scorsa stagione in Ligue 1. Purtroppo mi sono fatto male per diversi mesi e ho rinviato il mio ritorno nella competizione a seguito di un cartellino rosso ricevuto in una partita con la squadra U19. Mi ha scosso mentalmente e il mio fallimento è andato in contrasto con il successo di Kasper, il mio compagno di squadra. Me la sono presa senza motivo, forse un po' per gelosia. Piuttosto che competere con lui sul terreno di gioco, mi sono comportato da codardo nei suoi confronti. Il mio gesto non è stato dettato dall'avidità ma dalla frustrazione e dalla sensazione di non sentirmi considerato".

"Ho 18 anni, ma la mia età non è una giustificazione per quello che ho fatto - ha continuato l'attaccante -. Così mi sono preso le mie responsabilità e mi sono presentato di fronte a Kasper, a Fournier, il direttore generale del club, a Patrick Vieira, il mio allenatore, e a Dante, il mio capitano. Mi sono scusato con ognuno di loro. Ho anche preso l'impegno di risarcire completamente il mio compagno di squadra pagandolo, cosa che è stata già fatta. Auguro a lui tanti successi al Nizza e nella sua carriera. Forse ci incontreremo di nuovo un giorno e questa faccenda sarà solo un brutto ricordo. Ora lascio il club in cui ho sempre desiderato avere successo e crescere, che è per me la più grande punizione. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in me. Spero di provare loro un giorno che avevano ragione e che sono migliore di così. La mia redenzione passerà attraverso il campo e ora mi dedicherò alla mia passione, il CALCIO". Secondo le ultime indiscrezioni, c'è già un'altra squadra pronta a scommettere sul suo talento: il Paris FC, formazione di Ligue 2.

Visualizza questo post su Instagram

#ldnine

Un post condiviso da Lamine Diaby Fadiga (@ldnine9) in data:

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche