Marsiglia, Villas-Boas si dimette: "Non volevo Ntcham, il club lo ha preso ugualmente"

MARSIGLIA
IPA/Fotogramma

L'allenatore ha annunciato in conferenza stampa le proprie dimissioni dopo l'acquisto di Ntcham: "Non sono d'accordo con la politica sportiva del club, avevo detto che non volevo questo giocatore. La mia professionalità non può essere toccata". Il club, che ha confermato la separazione, ha annunciato che il portoghese potrebbe essere sanzionato per le sue dichiarazioni

MARSIGLIA, ASSALTO DEI TIFOSI AL CENTRO SPORTIVO

André Villas-Boas e Olympique Marsiglia, la storia è giunta al capolinea. Reduce da tre sconfitte consecutive in campionato e alla vigilia della prossima gara di Ligue 1 contro il Lens, l'allenatore portoghese ha rassegnato le proprie dimissioni. I motivi, però, non sono legati ai risultati deludenti dell'ultimo periodo, ma alle divergenze con la società in sede di mercato. Villas-Boas non ha infatti gradito gli ultimi acquisti del club, in particolare quello dell'ex Genoa Olivier Ntcham.

"Non volevo Ntcham, la mia professionalità è intoccabile"

vedi anche

I 20 acquisti di gennaio più costosi all'estero

A spiegare i motivi che lo hanno spinto a presentare le proprie dimissioni è stato lo stesso Villas-Boas in conferenza stampa: "Non sono d'accordo con la politica sportiva del club - ha detto l'ex allenatore di Tottenham e Porto, già collaboratore di Mourinho ai tempi dell'Inter -, per questo ho rassegnato le mie dimissioni. Quando si è parlato dell'arrivo di Ntcham avevo esplicitamente detto di no. Adesso attendo una risposta da parte della società: mi hanno detto che me la daranno a breve". Non soltanto Ntcham, al portoghese non è piaciuta nemmeno la cessione di Radonjic, andato in prestito all'Herta Berlino: "Anche per quanto riguarda questa operazione sono stato avvisato soltanto all'ultimo momento. Io amo Marsiglia e l'Olympique Marsiglia, ma non si può toccare la mia professionalità. Non sono d'accordo con il club, non mi si può proporre un giocatore che non ha nulla a che vedere con gli altri profili ricercati".

Il club: "Valutiamo sanzioni nei confronti di Villas-Boas"

Le dimissioni di Villas-Boas arrivano in un momento particolarmente delicato per l'OM. Nella giornata di sabato 30 gennaio, infatti, centinaia di tifosi infuriati per l'andamento della stagione - il Marsiglia è attualmente al nono posto in campionato, a 10 punti dalla zona Champions - avevano assaltato il centro sportivo della squadra lanciando petardi e fumogeni. Il tutto aveva provocato il rinvio dell'ultimo match di Ligue 1 contro il Rennes. Il club, in una nota ufficiale, ha confermato la separazione dall'allenatore portoghese: "Decisione inevitabile per la ripetizione di azioni e atteggiamenti che danneggiano il club e i suoi dipendenti. Inaccettabili i commenti in conferenza stampa, in particolar modo quelli nei confronti dell'Amministratore delegato Pablo Longoria". L'OM potrebbe sanzionare l'ex allenatore dopo un procedimento disciplinare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.