Messi, insulti all'assistente: 4 turni squalifica

Mondiali

Il fuoriclasse dell'Argentina è stato squalificato dopo quanto accaduto nel corso della sfida del 23 marzo contro il Cile. Contro la Bolivia, non ci sarà

Gli insulti alla terna arbitrale costano cari. Leo Messi è stato squalificato per quattro gare e ha ricevuto una multa di 10mila franchi svizzeri, dopo quanto accaduto nel corso della gara di qualificazione tra Argentina e Cile. E' partito tutto da uno scontro di gioco con Beausejour: l'assistente non gli ha segnalato un fallo a favore. Da lì all'insulto: "La c... de tu madre". La Pulce non sarà disponibile per la gara tra Bolivia e Argentina in programma il 28 marzo alle 22. Il resto della sanzione sarà scontato nei successivi match di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. E a sostituirlo non sarà lo juventino Paulo Dybala. Il ct Bauza ha deciso di puntare su Correa, che affiancherà Pratto in attacco.

Messi è stato giudicato colpevole della violazione dell’articolo 57 del Fifa Disciplinary Code "per aver rivolto parole ingiuriose a un assistente dell’arbitro".

Il ricorso - La Federcalcio argentina (Afa) ha annunciato che presenterà ricorso contro la squalifica e la multa inflitte dalla Fifa a Messi. "È una decisione che ci sorprende, c'è grande rabbia per il modo in cui è stata gestita la vicenda a poche ore dalla partita. Faremo ricorso - ha detto Jorge Miadosqui, dirigente della Afa -. Ci sono precedenti che fanno pensare che la sanzione possa essere ridotta". Riguardo allo stato d'animo di Messi, il dirigente della Afa ha spiegato che il giocatore "è abbattuto e triste, come lo siamo tutti noi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche