Mondiali 2026: si candidano Usa, Messico e Canada

Mondiali
coppa_del_mondo_calcio_getty

I tre Paesi presentano ufficialmente la propria candidatura per i primi Mondiali a 48 squadre. E le possibilità di riuscire a ospitare il torneo sono buone, calcolando che nel 2018 toccherà all'Europa e nel 2022 all'Asia

Dopo la Coppa del mondo del 2002, unico in cui più Paesi insieme avevano ospitato il torneo (allora si trattava di Corea del Sud e Giappone) ci provano Stati Uniti, Canada e Messico: insieme hanno presentato la candidatura per i Mondiali di calcio 2026, i primi a 48 squadre. L'annuncio viene dato a Manhattan, mentre il presidente statunitense Donald Trump punta a rinegoziare il Nafta, l'accordo di libero scambio fra i tre Paesi, e a costruire il muro con il Messico. I proponenti si sono detti fiduciosi di farcela, anche perchè l'Europa avrà i Mondiali l'anno prossimo in Russia, mentre nel 2022 si svolgeranno in Qatar, ovvero in Asia. Quindi ci sono buone possibilità che l'edizione successiva venga assegnata al continente americano.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche