03 settembre 2017

Russia 2018, Galles: Woodburn-gol a 17 anni. Sfiorato record di Bale

print-icon

La giovane ala del Liverpool ha deciso sabato sera la sfida del suo Galles contro l'Austria, segnando solo 5 minuti dopo il suo ingresso in campo con un gran destro da fuori area. Quella di Woodburn, all'esordio con la sua Nazionale, è la seconda rete più giovane segnata con la maglia del Galles 

GALLES-AUSTRIA 1-0, RIVEDI GLI HIGHLIGHTS

QUALIFICAZIONI MONDIALE 2018, TUTTI I RISULTATI E LE CLASSIFICHE

Esordi precoci e memorabili. Benjamin Woodburn non ama perdere tempo. Gli sono bastati 5 minuti con la maglia del Galles per trovare la prima rete in nazionale. L’Austria, venuta a Cardiff, stava riuscendo a difendere lo 0-0, ma al 69’ in campo è entrato lui, 18 anni da compiere il 15 ottobre. Qualche minuto per sciogliere l’emozione e poi, al 74’, una palla liberata a fatica dalla difesa austriaca che finisce dritta sui suoi piedi, a una ventina di metri dalla porta. Il giovane Benjamin a quel punto non ci ha pensato due volte prima di calciare e il pallone, potente e angolato, è finito alle spalle del portiere avversario. Woodburn è così diventato il secondo marcatore più giovane nella storia della nazionale gallese, alle spalle di Gareth Bale, che ha scherzato: “Questa notte non lo faremo dormire”.

Dream come true!!! Proud to get my first international cap and goal😀 team and fans were unreal👏 onto Moldova Tuesday now 🐉

Un post condiviso da Benwoodburn (@ben.woodburn) in data:

Ben meglio di Owen

E pensare che ancor meglio il precoce Woodburn era riuscito a fare con maglia del  Liverpool, il club in cui è cresciuto. Lo scorso 26 novembre, Klopp l’ha fatto entrare al 67’ contro il Leeds, in Coppa di Lega. Un’attesa di 14 minuti, poi l’assist di Wijnaldum da non poter sbagliare. In gol a  17 anni e 45 giorni, il record di Michael Owen sbaragliato di 98 giorni.

E non finisce qui...

Capace di giocare su entrambe le fasce, Woodburn è dotato di grande corsa e resistenza fisica, ma i suoi movimenti in attacco dimostrano anche una maturità insolita per un ragazzo non ancora maggiorenne. Doti che gli hanno permesso di calcare il campo per 9 volte nella scorsa stagione. Quest’anno, complici anche gli arrivi ad Anfield di Salah e Oxlade-Chamberlain, lo spazio a disposizione per il giovane gallese sembra essere ancora meno, ma di certo, almeno per qualche notte, Ben non ci penserà. Riguarderà quel suo destro da fuori area all’Austria, ripenserà alle parole del suo Ct Chris Coleman a fine partita (“Ha tutte le caratteristiche per diventare un grande giocatore”) e guarderà al futuro con ottimismo. In attesa di tornare subito in campo, magari già martedì prossimo in trasferta contro la Moldavia nel prossimo impegno del suo Galles. Perché oramai il giovane Ben ci ha preso gusto. E anche se non sarà più un esordio una palla da calciare da fuori area gli capiterà.

Qualificazioni Mondiali 2018, tutti i gol

I PIU' VISTI DI OGGI