Argentina-Perù, i tifosi vogliono Benedetto titolare alla Bombonera. Sampaoli manda in panchina Icardi?

Mondiali
icardi_getty

Dubbi di formazione per Sampaoli, indeciso tra Mauro Icardi e Dario Benedetto. L'allenatore del Perù Gareca ha parlato in conferenza stampa in vista della partita contro l'Argentina (giovedì notte all'1.30 in esclusiva su Sky Sport 1): "La mia squadra ha una grande condizione, non abbiamo paura della Bombonera, siamo preparati a qualsiasi scenario". Il prepartita del match dalla mezzanotte di giovedì su Sky Sport 1 (canale 201)

L'allenatore dell'Argentina Sampaoli sta preparando la sfida con il Perù all'Ezeiza, il centro di allenamento del Boca Juniors. Nella partita contro il Perù sono sicuri del posto Romero, Otamendi, Mercado, Biglia, Salvio, Messi e Di Maria. Gli altri quattro posti sono ancora in dubbio, al centro dell'attacco il ballottaggio è tra l'attaccante dell'Inter Mauro Icardi e Dario Benedetto, punta 27enne del Boca che potrebbe contare sull'entusiasmo dei tifosi di casa. Secondo un sondaggio del quotidiano Olé, l'82% dei tifosi vuole vedere in campo Benedetto e non Icardi. Sampaoli non ha convocato Higuain, gli “italiani” presenti oltre a Icardi sono Fazio, Pezzella, Biglia, Gomez e Dybala.

Saranno 180 minuti decisivi per l'Argentina, che dopo le partite contro Perù ed Ecuador conoscerà il suo destino. Sarebbe incredibile se la squadra che ha a disposizione Lionel Messi non riuscisse a qualificarsi per il Mondiale, per la prima volta dal lontano 1970. Si inizia con la sfida di Sampaoli al Perù, il prepartita della Noche de Futbol sarà su Sky Sport 1 (canale 201) dalla mezzanotte.

Il Perù non ha paura dell'Argentina, lo ha dichiarato l'allenatore Ricardo Gareca in conferenza stampa: "Escludo l’eventualità di studiare una marcatura speciale per Messi, è un privilegio giocare contro l’Argentina con i suoi giocatori migliori". Il ct dei peruviani si è presentato davanti ai giornalisti sicuro di sé e della propria squadra, senza timori reverenziali nei confronti dell'avversario. D'altronde Gareca è argentino, 32 anni fa proprio un suo gol eliminò il Perù dalla corsa al Mondiale messicano, oggi prova a portare i peruviani al Mondiale 36 anni dopo la loro ultima partecipazione. Al momento la sua squadra sarebbe quarta e qualificata, ha gli stessi punti dell’Albiceleste di Sampaoli che però ha una peggiore differenza reti.

La partita della Bombonera, in diretta dall'1.30 di venerdì su Sky Sport 1 (canale 201) e Sky Super Calcio (206), è decisiva per entrambe, Argentina e Perù infatti si devono guardare le spalle dal Cile, dietro solo di un punto. Gareca ha parlato in conferenza del momento della squadra, in particolare di Farfan e Gallese, reduci da infortuni. "La squadra ha una buona condizione, siamo in un grande momento. Jefferson Farfan e Pedro Gallese arriveranno al meglio della condizione, pronti a scendere in campo. Siamo preparati ad affrontare qualsiasi scenario. Ci sentiamo preparati, anche perché da quando ho iniziato ad allenare qui – Careca allena il Perù dal 2015, quando guidò la squadra al bronzo in Coppa America - abbiamo anche uno psicologo che ci aiuta, siamo pronti". "El Tigre", così lo chiamavano in Argentina, spera di ricoprire il ruolo di uomo decisivo della sfida anche questa volta, ma non con la maglia del suo Paese.

I più letti