Argentina, Messi non riconosce Driussi: arrivano le scuse dopo aver visto la foto su Instagram

Mondiali
messi_driussi_instagram

L'attaccante dello Zenit ha fatto visita all'Argentina ma non è stato riconosciuto da Lionel Messi. Il fuoriclasse del Barcellona si è accorto dell'errore dopo aver visto la foto sui social e si è scusato con Driussi attraverso Instagram

Episodio curioso nel ritiro dell'Argentina, con protagonista Lionel Messi. Il numero 10 del Barcellona, come tutti i suoi compagni di nazionale, si è prestato alle foto con parenti ed amici che sono entrati nel ritiro della selezione albiceleste. Tra questi c'era Sebastiàn Driussi, calciatore dello Zenit San Pietroburgo, che ha approfittato della presenza dell'Argentina in Russia per andare a salutare qualche suo connazionale convocato da Sampaoli per queste amichevoli in vista del Mondiale del 2018. L'attaccante ha scattato una foto proprio con Lionel Messi, postandola poi sul suo profilo Instagram con la scritta: "Grazie per la foto, idolo". Peccato che la 'Pulga' non abbia riconosciuto Driussi, accorgendosi di aver scattato una foto con lui dopo averla vista sui social. Messi si è subito voluto scusare per non averlo salutato in altro modo, inviando all'attaccante dello Zenit San Pietroburgo un messaggio su Instagram. "Ci siamo inviati dei messaggi attraverso qualcun altro, poi andiamo dallo stesso tatuatore. Quando ho visto la foto su Instagram ho chiesto scusa", ha ammesso lo stesso fuoriclasse argentino. 

Gracias por la foto IDOLO👏🏻 @leomessi

Un post condiviso da Sebastian Driussi 🇦🇷 (@sebadriussi.11) in data:

I Mondiali e la promessa

Lionel Messi ha guidato l'Argentina ai Mondiali ed ora è in Russia per preparare la prossima amichevole. Proprio lì, tra qualche mese, si giocherà la competizione più importante, che il numero 10 ha tutta l'intenzione di vincere. "Se dalla Russia verremo via da campioni, faccio il voto di andare a piedi fino al Santuario della Vergine di San Nicola's – ha dichiarato nei giorni scorsi l'argentino - Rimpianti? Abbiamo giocato tre finali (una mondiale e due di Coppa America) e almeno due avremmo meritato di vincerle. Ma sono cose che possono succedere. Abbiamo sofferto troppo per arrivare a questo Mondiale, ma non potevamo rimanere fuori e ho sempre pensato che ce l'avremmo fatta. Ora concentriamoci sul torneo in Russia, perchè il tempo passa in fretta".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche