11 novembre 2017

Qualificazioni Mondiali 2018: le 28 squadre qualificate

print-icon
sud

Il Senegal festeggia a fine partita per la qualificazione in Russia (foto Getty)

Marocco e Tunisia volano al Mondiale. Qualificate anche Russia, Brasile, Iran, Giappone, Messico, Belgio, Corea del Sud, Arabia Saudita, Germania, Inghilterra, Spagna, Nigeria, Costa Rica, Polonia Egitto, Islanda, Serbia, Francia, Portogallo, Uruguay, Argentina, Colombia e Panama. Dopo i playoff passano alla fase finale anche Svizzera e Croazia.  L'1 dicembre il sorteggio della fase finale

RIVIVI LE EMOZIONI DI SVEZIA-ITALIA

In Africa è il momento dei verdetti. In casa della Costa d'Avorio il Marocco passa 2-0 (con gol di Benatia) e stacca il biglietto per il Mondiale. La Tunisia pareggia 0-0 contro la Libia, ma basta per qualificarsi. Il puzzle dei Mondiali di Russia 2018 è quasi completo. Il tabellone sarà completo per il sorteggio della fase finale del prossimo 1 dicembre.

EUROPA (10+4) - CLASSIFICHE GIRONI E SPAREGGI

Una Nazionale era sicura sin dall'inizio di partecipare ai prossimi Mondiali: la Russia, in quanto Paese ospitante. Dal vecchio continente partiranno altre 13 squadre. Le 9 prime classificate nei gironi, più le 4 vincitrici dei playoff. Si sono guadagnate il pass diretto Germania, Inghilterra, Spagna, Belgio, Polonia, Serbia, Islanda, Francia e Portogallo. Alla fase finale anche Svizzera e Croazia che hanno battuto rispettivamente l'Irlanda del Nord (1-0) e la Grecia (4-1) per poi pareggiare nella gara di ritorno. Danimarca e Irlanda si giocano la qualificazione nella partita di ritorno dopo lo 0-0 dell'andata.

SUDAMERICA (4+1), MANCA IL PER­Ù- CLASSIFICHE

In Sudamerica l'ultima giornata, giocata ad ottobre, ha decretato le tre squadre che accompagneranno il Brasile in Russia. Una di queste è l'Argentina di Messi, protagonista assoluto in Ecuador con una tripletta. Qualificato anche l'Uruguay di Suarez (doppietta nel 4-2 alla Bolivia). Passa anche la Colombia. Clamorosamente eliminati il Cile vincitore delle ultime due edizioni della Copa America. All'appello manca solo il Perù di Gareca che nello spareggio intercontinentale contro la Nuova Zelanda ha impattato 0-0 nella gara di Wellington. Si giocherà il tutto per tutto nel ritorno all'Estadio Nacional di Lima giovedì 16 novembre alle 3:15.

ASIA (4+1), AUSTRALIA ALL'ESAME HONDURAS

Le qualificazioni asiatiche prevedevano due gironi, già conclusi. Se li sono aggiudicati Iran e Giappone, che andranno in Russia insieme alle seconde classificate, Corea del Sud e Arabia Saudita. Le terze, Siria e Australia (che è nella confederazione asiatica dal 2006) si sono sfidate in uno spareggio. L'andata, in casa della Siria, si è conclusa 1-1. Il ritorno a Sidney 2-1 a favore dell'Australia, con una doppietta di Cahill (il 2° ai supplementari). E proprio l'Australia ha affrontato nel playoff intercontinentale dell'andata l'Honduras chiudendo il match sullo 0-0 e potrà giocare il ritorno, in casa, con i favori del pronostico.

CENTRO E NORD AMERICA (3+1) - CLASSIFICA

Nella CONCACAF già qualificate Messico, Costa Rica e Panama. L'Honduras ha pareggiato in casa 0-0 contro l'Australia e dovrà compiere un'impresa al ritorno per passare il turno.

OCEANIA (0+1), È NUOVA ZELANDA- PERÙ

A settembre la Nuova Zelanda ha battuto le Isole Salomone nel playoff della zona oceanica e ora se la vedrà con il Perù.

AFRICA (5/5) - CLASSIFICHE

Dopo Nigeria, Egitto e Senegal vanno in Russia anche Marocco e Tunisia. Il Marocco passa 2-0 in Costa d'Avorio e torna ai mondiali dopo vent'anni. Alla Tunisia è bastato il pareggio 0-0 in casa contro la Libia.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

Kuzminskas allo scadere, l'Olimpia batte Cremona

La Juve non molla il Napoli, Genoa battuto 1-0

Allegri: "Critiche? Conta solo vincere. Sarri..."

Chelsea-Roma: ai dettagli l'affare Dzeko-Emerson

Inter, il Palace vuole Eder. Sturridge in stand-by

I Milwaukee Bucks hanno licenziato Jason Kidd

Liverpool, che tonfo a Swansea. Decide Mawson

Verona, Pecchia confermato e squadra in ritiro

Pirlo: "Il calcio italiano va rifondato"

Inter, ufficiale Rafinha: "Voglio la Champions"

Man City, De Bruyne rinnova fino al 2023

I PIU' VISTI DI OGGI
I PIU' VISTI DI OGGI