Petizione per Paolo Guerrero: i capitani avversari del Perù chiedono alla FIFA lo stop della squalifica

Mondiali
guerrero_getty

I capitani di Australia, Danimarca e Francia, avversarie nel gruppo C nel Mondiale di Russia hanno firmato una lettera inviata alla FIFA per chiedere la sospensione della squalifica dell'attaccante del Perù

HA SEGNATO QUANTO MESSI MA NON VA AL MONDIALE: IL PARADOSSO JONAS

MONDIALI RUSSIA 2018: LA GUIDA COMPLETA

Una petizione per Paolo Guerrero. Il capitano del Perù era stato squalificato per 14 mesi dal TAS per essere risultato positivo alla cocaina durante un controllo antidoping: uno stop che impedirà all'attaccante del Flamengo di rappresentare la selezione peruviana al Mondiale in Russia. I capitani delle squadre del Gruppo C, quello in cui giocherà il Perù, hanno scritto una lettera alla FIFA perché la squalifica a Guerrero possa essere quantomeno sospesa durante il Mondiale, così da permettergli di essere convocato per la spedizione russa dal ct Ricardo Gareca.

"Ingiusto escludere Guerrero"

"Chiediamo alla FIFA di mostrare compassione – hanno scritto Mile Jedinak, Hugo Lloris e Simon Kjaer, rispettivamente capitani di Australia, Francia e Danimarca -. Crediamo sia estremamente ingiusto escludere Guerrero da quello che sarebbe l’apice della sua carriera". Adesso bisogna vedere cosa deciderà la FIFA: l'ex attaccante di Bayern e Amburgo in un primo momento avrebbe dovuto scontare solo sei mesi di squalifica, ma la pena è stata prolungata nello scorso febbraio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche