Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
17 giugno 2018

Mondiali 2018 Russia, Neymar cambia look prima dell'esordio come Ronaldo nel 2002. LE FOTO

print-icon

Capigliature completamente diverse, ma la novità pre Mondiale è quello che accomuna la stella del passato e la stella del presente del Brasile. Nel 2002 l'ultima Coppa del Mondo vinta, nel segno di Ronaldo con la mezza luna in testa. Neymar ora è biondo, con un'intera nazione nelle proprie mani

BRASILE-SVIZZERA LIVE

CALENDARIO E GIRONI - GIOCA COL SUPERMONDIALE DI SKY

Qualche ora all’esordio del Brasile, il grande favorito del Mondiale di Russia. Talento, esperienza e gioventù, più un leader assoluto: Neymar. L’infortunio sembra alle spalle, e la chiamata è di quelle che non si possono rifiutare. Nel cuore la sua nazione, in testa la prima partita contro la Svizzera, e anche un nuovo taglio di capelli. Motivo? O lo dirà lui o saranno solo ipotesi, perché l’asso del Psg non è nuovo ai cambi di look, con una stravaganza diventata normalità. Eppure un parallelo c’è, suggestivo quanto lontano, che riporta al 2002 e alle orme di un altro idolo verdeoro da seguire. Ronaldo, Il Fenomeno, ha giocato a cavallo tra anni Novanta e Duemila, in quell’era di passaggio tra il giocatore più sobrio di un tempo e gli eccessi nel look di quelli del presente. Abituati alla sua rasata, quella mezzaluna fatta per il Mondiale di Corea e Giappone suonava ancora più insolita. La spiegazione arrivò molti anni dopo, solo recentemente: “Ai tempi ero al 60%, si parlava solo del mio ultimo infortunio, da quel taglio di capelli in poi tutti iniziarono a parlare solo di quello, senza più pensare alle mie condizioni. E fu così fino a fine Mondiale”.

Zitti tutti, parla Ney

Che il nuovo biondo di Neymar, con capelli mossi e cerchietto (o fascetta) a tenerli fermi, sia un depistaggio dal gossip calcistico non possiamo saperlo. Il brasiliano si presenta però in Russia con una novità, sopra quella testa tremendamente concentrata sulla partita. “Nel Mondiale spero di trovare la Germania, con me in campo non avremmo mai perso 7-1, ne sono certo”, detto al sito Spox.com. Dunque: “Sono qui in Russia per vincere il Mondiale e non per i premi individuali, ma il migliore al mondo sono io” - detto invece a Bolivia Talk sul canale Desimpedisos. Carica emotiva, carica davanti ai microfoni e carica in testa. Dove mette un dito davanti alla bocca nel video postato su Instagram mentre il suo parrucchiere lavora al nuovo look. Zitti tutti insomma, stop a interviste e capelli, ora parlerà soltanto il campo.

Russia 2018, tutti i video dei Mondiali

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi