Mondiali, ascolti record in Islanda per la partita con l'Argentina: il 99.6% era davanti la tv, e gli altri?

Mondiali

La Federazione islandese ha pubblicato su Twitter i dati di ascolto relativi all'esordio mondiale contro l'Argentina: solo un migliaio di persone non era davanti alla tv, abbiamo provato a vedere cosa c'era di meglio quel giorno in tv. Finnbogason: "Il restante 0,4% era in campo..."

MOURINHO E LA SUA BATTUTA SULL'ISLANDA

MESSI FLOP SU RIGORE, L'ISLANDA RESISTE: LA PARTITA

CALENDARIO E GIRONI - GIOCA COL SUPERMONDIALE DI SKY

La nazionale islandese ha paralizzato letteralmente il paese. L’avventura Mondiale della squadra di Hallgrimsson ha coinvolto tutti e lo sta dimostrando: dei quasi 330 mila abitanti, il 99.6% della popolazione era sintonizzata sulla partita d'esordio contro l’Argentina. Numeri pazzeschi: traducendo la percentuale, infatti, risulta che poco più di 328 mila islandesi erano davanti al televisore mentre Finnbogason segnava il primo storico gol mondiale dell’Isola nordica e Halldorsson parava un rigore a Leo Messi. Da questa percentuale vanno sottratti i giocatori e lo staff tecnico della spedizione russa, ne restano fuori circa un migliaio di potenziali telespettatori che non hanno voluto guardare la partita. La domanda, a questo punto, sorge spontanea: ma cosa guardavano gli altri?

Poche alternative

Molto probabilmente chi non era in poltrona davanti alla tv, si trovava o allo stadio o in qualche pub russo oppure, come ha twittato Finnbogason: "Erano in campo", visto che i palinsesti tv del 16 giugno non fornivano molta scelta a chi non è interessato al calcio. I canali della tv di stato islandese, la Ruv, non proponevano molte alternative: sull’emittente principale, Ruv 1, ovviamente c'era la partita, mentre alla stessa ora, su Ruv 2 c'erano le previsioni del tempo. Poi due ore di buco, fino al fischio finale del match. Neanche i bambini hanno avuto la possibilità di guardare qualcosa di diverso rispetto alla partita: la programmazione di Krakkar, canale dedicato ai più piccoli, ha interrotto le trasmissioni dopo Vísindahorn Ævars, programma scientifico per i bambini e trasmesso  alle 9.15, e sono riprese alle 18.15 con il cartone Kioka. Insomma, solo calcio in tv sabato 16 giugno in Islanda.

I record di Euro 2016

Un record, quello fatto registrare dall’Auditel islandese, che non è registrato quello segnato durante gli Europei  del 2016 in Francia, quando per la partita vinta contro l’Inghilterra a guardare la storica sfida con gli inglesi era stato il 99,8% della popolazione, che aveva superato il picco del lunedì precedente quando con l’Austria, erano incollati alla tv il 99,5% degli abitanti. Si riuscirà a superare questo record? Difficile ma non impossibile, soprattutto se gli islandesi dovessero continuare di questo passo…

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche