Mondiali 2018 Russia, Maradona difende Messi: "Non è colpa sua. Argentina una squadretta"

Mondiali

Il Pibe de Oro difende Messi dalle critiche post eliminazione Mondiale: "Ho visto Leo solo, lo hanno fatto giocare da '9'. A parte lui, l'Argentina è una squadretta. Si tratta di una morte annunciata"

MONDIALI, TUTTI GLI OTTAVI

LEO CAMMINA, CR7 SI SPEGNE: NUMERI DEL KO MONDIALE

Al centro delle critiche dopo l'eliminazione dal Mondiale dell'Argentina: è stata una Coppa del Mondo decisamente complicata per Leo Messi e la bufera intorno al fuoriclasse del Barcellona non sembra destinata a placarsi a breve. Tante le accuse nei suoi confronti, su tutte quella di non essere riuscito a trascinare la Nazionale, eliminata agli ottavi di finale dalla Francia. A difendere però Messi ci ha pensato Diego Armando Maradona che ha parlato così a Telesur durante la trasmissione 'La mano del Diez': "Ho visto Leo molto solo. Lo hanno fatto giocare da 9 e doveva venire a prendere palla, fare gioco, dare assist, andare a concludere: stiamo parlando di un'illusione, non di Messi. A parte Leo, siamo una squadretta", le parole del Pibe de Oro. Che non nasconde tutta la sua delusione per l'eliminazione dell'Argentina dal Mondiale: "Non siamo andati al tribunale per celebrare un processo, ma al cinema a vedere un film di cui sapevamo già la fine: l'eliminazione dell'Argentina dal Mondiale è stata la cronaca di una morte annunciata".

Maradona: "Argentina? Una morte annunciata"

Maradona punta il dito contro Sampaoli e le sue scelte di formazione: "Che saremmo andati incontro a questa fine si era capito da quando era stato annunciato che avrebbero giocato Pavon-Messi-Di Maria: loro possono creare gioco, ma nessuno di loro è una punta. Abbiamo attaccato e concesso spazio a Mbappé. I francesi, al contrario, hanno tutto: contropiede, varianti, possono fare male a destra e sinistra. A questi giocatori non possiamo chiedere di più, hanno dato tutto". Maradona ha poi esaltato le qualità di Mbappé, grande protagonista proprio contro l’Argentina: "È rapidissimo, come il Caniggia dei primi tempi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche