Codesal, arbitro di Germania-Argentina ai Mondiali 1990: "Maradona? Pessima persona"

Mondiali
©Getty

Il direttore di gara messicano della finale dei Mondiali giocati in Italia ha parlato così di Maradona: "Come giocatore faceva cose degne di ammirazione, ma fuori è una delle persone peggiori che abbia mai incontrato nella mia vita"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI DEL 26 APRILE IN DIRETTA

Brutta, dura, controversa: la finale dei Mondiali italiani del 1990 è ricordata poco per l’estetica e lo spettacolo. Interventi duri, polemiche, due espulsioni per l’Argentina che furono anche i primi due cartellini rossi estratti in una finale mondiale. A vincere fu la Germania Ovest, che prese la propria rivincita dell’edizione precedente grazie ad un rigore trasformato nel finale da Brehme. L’arbitro di quella gara era il messicano Edgardo Codesal Mendez, che in un’intervista rilasciata alla radio uruguayana Tirando Paredes non ha avuto parole d’elogio per Maradona: "Da regolamento avrei potuto espellerlo già prima dell’inizio della partita (per quei famosi "hijos de puta" detti ai tifosi dell'Olimpico che fischiavano l'inno argentino, ndr), ma ho capito il momento e decisi di gestire diversamente la situazione. In campo fece cose degne di ammirazione, io stesso vidi la sua caviglia gonfia come una palla. Era il migliore senza dubbio, ma fuori dal campo è veramente spiacevole. Una delle peggiori persone mai incontrate nella mia vita".

Gli episodi discussi

Dopo la finale seguirono tante polemiche, dovute alle decisioni di Codesal. L’Argentina, rimasta in dieci per l’espulsione di Monzon, recriminò per la mancata concessione di un calcio di rigore per un fallo su Dezotti, anche lui poi espulso per proteste. Lamentele che si fecero più vibranti quando l’arbitro messicano decise di sanzionale il contatto tra Sensini e Völler. "È fallo, non si discute – ha ribadito ad anni di distanza Codesal – il difensore è andato a contrastare l’avversario in modo difficile, era quasi impossibile evitare il contatto. Ci sono stati contrasti simili, ma non erano falli intenzionali e all’epoca si poteva fischiare solo se erano volontari".

CALCIO: SCELTI PER TE