Germania, sulle maglie messaggio al Qatar per i diritti umani

L'APPELLO
ph. @DFB_Team
germania_diritti_umani_twitter

Prima della gara di qualificazione ai Mondiali del 2022 contro l'Islanda i giocatori della Nazionale tedesca sono entrati in campo con delle maglie che formavano la scritta "Human Rights". Un messaggio analogo mercoledì sera da parte della Norvegia rivolto al Qatar, Paese che ospiterà la manifestazione e nel quale secondo un'inchiesta del Guardian, sarebbero morti circa 6.500 lavoratori impegnati nella costruzione degli stadi

QUALIFICAZIONI MONDIALI, I RISULTATI DELLA 1^ GIORNATA

Anche la Germania si schiera in difesa dei diritti umani. Ciascuno degli undici giocatori della Nazionale tedesca, prima della partita valida per la prima giornata del girone J di qualificazione ai Mondiali del 2022 contro l'Islanda (3-0 il risultato finale in favore della squadra di Loew), è sceso in campo con una maglia nera le cui lettere hanno formato la scritta "Human Rights". Un movimento di protesta contro il governo del Qatar, Paese che ospiterà la manifestazione iridata nel quale - secondo i dati in possesso del Guardian - circa 6.500 lavoratori immigrati, provenienti da India, Bangladesh, Nepal e Pakistan, sarebbero morti durante la costruzione degli impianti in cui si svolgeranno le partite

Il precedente della Norvegia: "Human rights On and off the pitch"

leggi anche

Norvegia al Qatar: "Rispettate diritti umani"

Prima della Germania era stata la Norvegia a schierarsi contro le pratiche in uso in Qatar. In occasione della gara valida per le qualificazioni al Mondiale del 2022 contro Gibilterra (3-0 anche in questo caso) di mercoledì 24 marzo, infatti, Haaland e compagni erano entrati sul terreno di gioco con delle maglie bianche sulle quali campeggiava la scritta "Human rights On and off the pitch" (Diritti umani sul campo e fuori). Un'iniziativa voluta e con un destinatario preciso, che era stata preannunciata anche dal Ct norvegese Solbakken alla vigilia del match: "Vogliamo fare qualcosa di concreto per mettere pressione alla Fifa affinché sia sempre più diretta e ferma nei confronti delle autorità del Qatar, imponendo loro delle richieste più severe". Dello stesso avviso anche Martin Odegaard: "Ci teniamo e vogliamo cercare di contribuire in maniera positiva".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport