Ruben Dias infortunato, out dalle 4 alle 6 settimane: salta i playoff con il Portogallo

verso i playoff

Il Manchester City e il Portogallo perdono Ruben Dias per circa un mese: il pilastro della difesa della nazionale portoghese sarà quindi costretto a saltare il playoff per l'accesso a Qatar 2022 dove, lo ricordiamo, il Portogallo potrebbe trovare in finale l'Italia, qualora la squadra di Mancini dovesse battere la Macedonia del Nord il 24 marzo al Barbera di Palermo

Ad annunciarlo è stato Pep Guardiola, nella conferenza stampa prima del derby di Manchester che si giocherà all'Etihad domenica prossima alle 17:30: il portoghese Ruben Dias, colosso della difesa del City e della sua nazionale, sarà assente dalle quattro alle sei settimane a causa di un infortunio al tendine del ginocchio rimediato martedì scorso, nel quinto turno di FA Cup contro il Peterborough United. Si tratta di un brutto colpo, ma non solo per Guardiola. Ruben Dias, come detto, è un punto fermo anche della nazionale portoghese, ma sarà costretto a saltare playoff in programma a fine mese. Il Portogallo, giovedì 24 marzo, affronterà la Turchia: chi vince tra le due squadre affronterà la vincente tra Italia e Macedonia del Nord. Qualora l'Italia dovesse vincere a Palermo e incontrare in finale il Portogallo, avrà un temibile avversario in meno: Ruben Dias è già costretto al forfait

La carriera di Ruben Dias

leggi anche

Via i gialli ai playoff: Italia aveva 10 diffidati

Classe 1998, entra nel vivaio del Benfica ad appena 11 anni e ci rimane fino ai 22. Con la maglia del Benfica, Ruben Dias ha collezionato oltre 200 presenze tra prima squadra, Benfica B e giovanili. Nella stagione 2017/2018 diventa il fulcro della prima squadra: in un mese esordisce prima in campionato, poi in Champions League contro il Manchester United di Lukaku. Proprio a Manchester si trasferirà nel settembre 2020, ma sponda Citizen per 68 milioni di euro (diventando il quinto difensore più pagato di sempre). Guardiola lo fa diventare il perno della sua difesa e ottiene ottimi risultati. 32 presenze in tutte le competizioni, 2 gol e 3 assist: con questi numeri anche nella stagione 21/22 si sta confermando uno dei migliori centrali al mondo. Viene responsabilizzato anche nella nazionale portoghese con la quale ha partecipato anche agli ultimi Europei da protagonista. Ma nei playoff, la nazionale del ct Fernando Santos sarà costretta a fare a meno di lui.