Mondiali, Messi calpesta la maglia del Messico? La furia di Canelo sui social. VIDEO

il caso

Dopo la prima vittoria ai Mondiali in Qatar, esplode la polemica sui social per un video che ritrae la festa argentina nello spogliatoio dopo il successo con il Messico. Lionel Messi, autore del gol decisivo, sembra calciare via una maglia della nazionale messicana. La furia del pugile Canelo: "Chiedo a Dio di non incontrarlo"

POLONIA-ARGENTINA LIVE

Una dura polemica social investe Lionel Messi, eroe in Argentina dopo il gol che ha consentito all'albiceleste di battere 1-0 il Messico, conquistare la prima vittoria ai Mondiali in Qatar e restare aggrappata alle speranze di qualificazione agli ottavi. Al rientro negli spogliatoi, è scattata una grande festa tra i giocatori argentini, documentata con un video presto finito in rete. Qui si vede, a un certo punto, Messi allontanare con uno scarpino una maglia del Messico, scambiata a fine partita con un avversario. Pur non avendo, ovviamente, alcuna certezza sulla volontarietà del fatto, sui social si è scatenata una vera propria bufera. Ad aizzare la questione anche Canelo Alvarez, pugile pluricampione del mondo e idolo di milioni di messicani. 

Le accuse di Canelo e la risposta di Aguero

leggi anche

Messi risolleva l’Argentina: con il Messico è 2-0

"Messi è stato visto pulire il pavimento con la nostra maglia e bandiera? Chiedo a Dio di non incontrarlo! Proprio come io rispetto l'Argentina, tu devi rispettare il Messico! Non sto parlando del Paese (Argentina), sto parlando di Messi", ha scritto Canelo in una serie di tweet. A rispondere al pugile ci hanno pensato, con un messaggio praticamente identico, sia il Kun Aguero, compagno di mille battaglie con la maglia dell'Argentina e amico di Messi, sia Fabregas: "Signor Canelo, non cerchi scuse o problemi, sicuramente lei non sa di calcio e di cosa succede in uno spogliatoio. Le magliette sono sempre per terra a partita finita per via del sudore e poi, se si guarda bene, fa il movimento per toglierla e la colpisce accidentalmente".