Portogallo, Santos: "La reazione di CR7 non mi è piaciuta. Leao? Al Milan ha più libertà"

portogallo
©IPA/Fotogramma

Alla vigilia dell'ottavo contro la Svizzera, il ct portoghese è tornato a parlare della reazione di Ronaldo dopo il cambio contro la Corea del Sud: "Ho rivisto le immagini e non mi è piaciuto per niente. Al-Nassr? Non ne abbiamo parlato, è concentrato sul Mondiale". E su Leao: "Sta vivendo delle normali difficoltà perché al Milan gode di una certa libertà e non è chiamato a bilanciare il gioco"

BRASILE-COREA LIVE

Nonostante l'ottavo di finale in vista contro la Svizzera, per il Portogallo c'è ancora una coda di polemiche relativa all'ultima partita del girone contro la Corea del Sud, segnata dalla rabbia di Cristiano Ronaldo al momento della sostituzione a metà del secondo tempo. Un gesto che non è passato inosservato, tanto che il CT Fernando Santos ha "tirato" le orecchie a CR7 in conferenza stampa: "Sono andato subito alle interviste - racconta - in campo non ho sentito niente, ero lontano e l'ho visto litigare con un giocatore coreano. Poi ho rivisto le immagini e non mi è piaciuto per niente. Queste cose si risolvono in famiglia, adesso siamo tutti concentrati sulla Svizzera. Sarà una partita tremendamente difficile, molto dura, ma crediamo di poter vincere".

"Ronaldo all'Al-Nassr? È concentrato sul Mondiale"

leggi anche

Marca certa: da gennaio CR7 giocherà nell'Al-Nassr

Il commissario tecnico portoghese ha parlato anche delle recenti voci di mercato che coinvolgono Ronaldo, secondo il quotidiano spagnolo Marca prossimo a vestire la maglia dell'Al-Nassr in Arabia Saudita: "Non ne abbiamo parlato, nemmeno lo sapevo - aggiunge Santos - In caso sarebbe una sua decisione, ma adesso è concentrato sul Mondiale e vuole aiutare la squadra". 

"Ho fiducia in Leao, ma..."

leggi anche

Ibra, Leao e il suo Milan: al Club è Pioli show

Tra gli argomenti trattati da Santos in conferenza stampa anche Rafael Leao. L'attaccante del Milan ha giocato solo 59 minuti in Qatar, a causa delle difficoltà tattiche evidenziate dal ct e dei compiti diversi rispetto alle partite in Serie A: "Leao ha potenzialità enormi. Avrà una grande carriera ma sta vivendo le normali difficoltà che ha un giocatore che nella sua squadra di club gode di una certa libertà e non è chiamato a bilanciare il gioco. Ha fatto uno sforzo fantastico, ma ci sono giocatori che spiccano in alcune squadre e in altre no. Questo non toglie nulla alle sue qualità e alla fiducia che ho in lui".