Nations League, Movsisyan meglio di Dzeko: il capocannoniere arriva dall'Armenia

Nations League

Nato in Azerbaigian, punta dei Chicago Fire, negli anni '90 emigrò negli Stati Uniti insieme alla famiglia a causa delle persecuzioni verso gli armeni di Baku. Oggi ha segnato più di Dzeko e Lukaku, diventando il top scorer temporaneo della Nations League

SVIZZERA-BELGIO LIVE

NATIONS LEAGUE, GERMANIA RETROCESSA

Yura Movsisyan gioca negli Stati Uniti, è nato in Azerbaigian ed è il bomber dell'Armenia. Quattro gol a Gibilterra per entrare nella storia: "Mi sono sempre sentito armeno, anche se non ci ho mai vissuto". La sua famiglia viveva a Baku, ma emigrò in California quando lui era piccolo. "Colpa" del pogrom del gennaio del '90, data storica e mai dimenticata, il giorno in cui più di 90 armeni di vennero uccisi e torturati nelle strade. Il tutto per l'eterna disputa del Nagorno Karabakh, territorio del Caucaso meridionale dichiaratosi indipendente nel 1991, amato dagli armeni e conteso dall'Azerbaigian. Un brutto momento, tant'è che una volta - durante una delle prime interviste concesse negli Stati Uniti - non riuscì a trovare un ricordo positivo di quei giorni: "Non potevo neanche andare a scuola, gli armeni non piacevano a nessuno". Movsisyan si trasferì a Pasadena, suo padre lo spronò a giocare a calcio e a fare "qualcosa per l'Armenia". Oggi, diversi anni dopo, quel ragazzino è diventato il capocannoniere della Nations League con 5 gol in 5 partite. Meglio di Lukaku e Dzeko. Il linea con il "sogno americano".

Movsisyan, dagli Stati Uniti alla Nations League

Quando Yura parla di quei giorni la sua voce trema ancora: "Ce ne siamo andati da Baku in fretta e furia, siamo scappati da tutto e tutti. La vita era diventata un inferno. Non ricordo come siamo arrivati negli Stati Uniti, ma per me era il mondo dei sogni". Calciatore grazie a suo padre - "il primo a crederci" - Movsisyan inizia a giocare nel Kansas City, salvo poi tentare la grande avventura in Danimarca con i Randers. Segna 12 gol, diventa l'idolo dei tifosi e sbarca in Russia, dove tra Krasnodar e Spartak Mosca resta 6 anni lasciando un ottimo ricordo (quasi 50 gol). Punta classica, 31 anni, ha la cittadinanza americana e gioca nel Chicago Fire in MLS. Nel 2010 fa il suo esordio in Nazionale, tre anni dopo segna un gol al San Paolo contro l'Italia e oggi festeggia uno storico poker a Gibilterra, entrando nella storia (14 reti in 37 gare in Nazionale). Al momento è il capocannoniere di tutte le leghe della Nations League con 5 gol (come Mitrovic). Un poker per l'Armenia, un sorriso per la sua gente, un record per papà.

Movsisyan festeggia il poker a Gibilterra

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport