Nations League cambia format: allargamento a 16 squadre, ripescata la Germania

Nations League

La UEFA ha annunciato novità per quanto riguarda la Nations League: non più dodici squadre ma sedici, con il ripescaggio delle retrocesse dell’edizione inaugurale (Germania, Croazia, Polonia e Islanda). Rimane la “Final Four” di fine competizione tra le prime classificate e il sistema di retrocessioni

NASCE UNA NUOVA COMPETIZIONE: LA EUROPA CONFERENCE LEAGUE

CHAMPIONS LEAGUE, LE SEDI DELLE PROSSIME TRE FINALI

La UEFA Nations League cambia format. Dopo il successo della prima edizione, tra le novità presentate dalla UEFA c’è anche l’allargamento della coppa per nazionali che ha preso il posto delle classiche amichevoli negli anni senza qualificazioni. A Lubiana il Comitato Esecutivo UEFA ha determinato che le squadre non saranno più 12 come nell’edizione 2018-19 ma bensì 16 nelle leghe A, B e C, mentre nella Lega D saranno 7. Le squadre verranno assegnate in base alla classifica generale e verranno divise in quattro gruppo da quattro, da cui usciranno le prime che si affronteranno in una “Final Four” con sede da definire (lo scorso anno vinse il Portogallo in finale sull’Olanda) mentre rimane il sistema di retrocessioni per mantenere sempre vivo l’interesse nei confronti della competizione.

Ripescate le retrocesse: Lega A a 16 squadre

Per completare la Lega A della Nations League 2020-21 sono state ripescate le quattro retrocesse della prima edizione – Germania, Croazia, Polonia e Islanda – che si aggiungono alle otto rimaste (le finaliste Portogallo, Olanda, Inghilterra e Svizzera, e le seconde Italia, Francia, Belgio e Spagna) e le promosse dalla Lega B (Svezia, Bosnia, Ucraina e Danimarca). Un mini-Europeo il cui sorteggio dei gironi si svolgerà il prossimo 3 marzo ad Amsterdam per un torneo sempre più allargato. «Questa modifica al format segue un processo di consultazione che ha coinvolto tutte le 55 federazioni nazionali UEFA e rispecchia il loro desiderio di diminuire ulteriormente il numero di partite amichevoli», si legge sul sito dell’UEFA. «Inoltre, tale modifica migliorerà l’equità sportiva in quanto tutte le squadre dello stesso girone disputeranno la loro ultima partita lo stesso giorno e alla stessa ora. In più, il numero di partite ufficiali durante la fase di campionato della competizione passerà da 138 a 162, aumentando così il valore della competizione».

I più letti di calcio