Martinez dopo Italia-Belgio: "Rigore del 2-0 dubbio, perchè non è intervenuto il Var?"

belgio

Il commissario tecnico del Belgio non ha gradito alcune decisioni arbitrali: "In un torneo del genere servono direttori di gara con esperienza. Il rigore è l'esempio perfetto di una prestazione così così. Siamo molto frustrati, con la Francia è intervenuto il Var, oggi che l'arbitro aveva bisogno di una mano invece no"

ITALIA-BELGIO 2-1, LA CRONACA DEL MATCH

Il Belgio perde anche contro l'Italia e si classifica al quarto posto nella Nations League. Una sconfitta, quella contro gli azzurri, che non è andata giù al commissario tecnico Roberto Martinez, che in conferenza stampa punta il dito contro alcune decisioni arbitrali: "Io sono sempre molto rispettoso nei confronti dell'arbitro, ma in un torneo del genere ci vuole tanta esperienza e servono arbitri che hanno già calcato questi palcoscenici. Due vantaggi non sono stati accordati e c'è stata una prestazione così così, dove il rigore è l'esempio perfetto. Siamo molto frustrati per l'intervento del VAR contro la Francia, bisogna responsabilizzare gli arbitri. Ma perché non è intervenuto oggi quando l'arbitro aveva bisogna di una mano e poi il giallo a Vertonghen, solo a lui. La frustrazione è cresciuta man mano".

"Prestazione positiva, buona reazione dopo lo svantaggio"

leggi anche

Barella affamato, Berardi prezioso: le pagelle

Martinez ha proseguito, analizzando la prestazione del Belgio: "Certo è una sconfitta, ma bisogna anche analizzare gli aspetti positivi della prestazione. Nelle due aree di rigore non siamo stati abbastanza tranquilli, ma globalmente la prestazione è stata positiva. Abbiamo reagito molto bene dopo lo svantaggio, la squadra ha mostrato coraggio e personalità. Abbiamo preso dei colpi ma fino alla fine abbiamo avuto occasioni per tornare in partita, alcuni giovani ragazzi, come Alexis Saelemaekers e Charles De Ketelaere, hanno fatto molto bene. Poi il calcio di rigore è una decisione che non condivido, ma bisogna fare meglio nonostante queste decisioni discutibili".