Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
10 giugno 2019

Italia-Bosnia, Bonucci: "Con Mancini è cambiato tutto"

print-icon

Il difensore della Nazionale e della Juventus ha parlato con il Ct Mancini in conferenza stampa, alla vigilia di Italia-Bosnia: "Meritano rispetto, rientra Pjanic che fa girare la squadra. I cambiamenti? Le idee di Mancini si sono diffuse in tutto il calcio italiano"

ITALIA-BOSNIA LIVE

EURO 2020, I RISULTATI DEL TERZO TURNO - LE CLASSIFICHE DI TUTTI I GIRONI

IL CALENDARIO DELL'ITALIA

Dopo la vittoria ad Atene, l'Italia di Roberto Mancini si prepara ad ospitare all'Allianz Stadium di Torino la Bosnia. Partita speciale, tra gli altri, per Leonardo Bonucci: uno dei "padroni di casa" insieme agli altri bianconeri, che se la vedrà anche con un suo compagno di squadra alla Juventus: Miralem Pjanic. Proprio Bonucci, reduce dal gol nel match contro la Grecia, ha parlato alla vigilia in conferenza stampa a fianco del Ct: "Cosa è cambiato da un anno fa a oggi? Quello che è cambiato soprattutto è il nostro Ct, che è arrivato con una idea ben precisa che di riflesso si è diffusa nel calcio italiano. Con lui tanti giovani sono riusciti ad imporsi, dando il proprio contributo". Sull'avversario, Bonucci mette in guardia i compagni: "Meritano rispetto, possono darci fastidio. Hanno grandi giocatori come Dzeko e Pjanic, creano tanto giocando in verticale. Domani ritroveranno Miralem, che fa girare la squadra come già accade alla Juve: per loro è fondamentale. Non sarà la Bosnia vista in Finlandia".

"Sfida di gol con Chiellini? A noi interessa non prenderli..."

Dopo il gol contro la Grecia, è sfida con il compagno di reparto e amico Chiellini, sui gol segnati in azzurro: "Ma a noi interessa non prenderli - ha risposto Bonucci - tanto quando si costruisce il gioco prima o poi si segna. Certo, quando anche a noi riesce di buttarla dentro è una gioia ulteriore. Il rapporto che ho con Giorgio è di amicizia e stima, in campo e fuori. Fino a fine carriera ci giocheremo questo traguardo, ma il nostro obiettivo è far capire agli altri cosa significa stare in Nazionale. Si è ricreato un grande gruppo, i giovani stanno facendo benissimo". Infine, sui portieri e la fase difensiva: "In porta abbiamo un presente e un futuro roseo: "Sirigu, che conosco da quando ero bambino. Donnarumma e Perin, Cragno, Gollini e Mirante. Ma la fase difensiva inizia sempre dagli attaccanti, un esempio è Belotti che si è preso un giallo per rincorrere un giocatore a dieci metri dalla nostra area".

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi