Italia-Argentina, Mancini: "Dobbiamo ricostruire ma ci vorrà tempo"

Nazionale

Lucida analisi del Ct dell'Italia al termine della gara persa 3-0 contro l'Argentina nella 'Finalissima' di Wembley: "Nel primo tempo abbiamo fatto anche abbastanza bene restando in partita, avremmo dovuto segnare un gol per provare a rimontare ma loro sono stati migliori di noi e noi abbiamo fatto poco per riaprire la partita"

Non può essere soddisfatto Roberto Mancini al termine del match di Wembley perso contro l'Argentina. Nella 'Finalissima', l'Italia ha manifestato tutte le lacune dell'ultimo periodo resistendo per poco meno di un tempo alla qualità dei sudamericani: "Nel primo tempo abbiamo fatto due errori sui loro due gol, poi loro sono stati più bravi a tenere la palla, sono stati migliori di noi", spiega a fine gara. "Ma io devo dire grazie a questi ragazzi che hanno giocato in questi 4 anni, c’è dispiacere per la mancata qualificazione ai Mondiali, la gara di stasera è stata inizialmente equilibrata, poi loro hanno una qualità superiore alla nostra. Avevamo in mente dopo questa gara di cambiare diverse cose e lo faremo, bisogna trovare i giocatori, mettere insieme una squadra che all’inizio soffrirà e che nel futuro ci potrà dare gioie". Sulle difficoltà incontrate dagli Azzurri: "Avremmo dovuto cercare di fare un gol ma abbiamo avuto poche possibilità, nel primo tempo abbiamo fatto abbastanza bene e siamo stati in partita - spiega ancora - Nel secondo abbiamo fatto davvero troppo poco per provare a rimontare".

"Ci saranno difficoltà, speriamo di fare in fretta"

vedi anche

Italia-Argentina 0-3, cronaca e tabellino

Sulle difficoltà incontrate dagli Azzurri dopo l'Europeo e fino a stasera: "Noi abbiamo grande difficoltà a segnare in questo momento e dobbiamo lavorare molto sapendo che non sarà così semplice e ci vorrà del tempo - dice ancora - Penso che lasceremo qualcuno dei ragazzi in vacanza perché è giusto che recuperino, dopo l’Europeo abbiamo fatto fatica a fare gol e dobbiamo trovare soluzioni in questo senso e cercare di essere veloci ma non sarà semplice mettere insieme una squadra che ci dia soddisfazioni a breve termine anche se ci sono ragazzi bravi, dovremo sbagliare il meno possibile". Insomma una ricostruzione in tutti i sensi che necessita di nuovo entusiasmo: "L’entusiasmo ce l’ho, mi piace lavorare e allenare, ne ho da vendere - conclude - Come ho detto ci saranno anche momenti difficili perché è vero che si è perso contro una grande Argentina ma dobbiamo sapere che ci saranno anche questi momenti e dobbiamo fare in modo che i più giovani imparino in fretta".