Arsenal, Wenger: "Chelsea cambiato, ma vinciamo"

Premier League

L'allenatore dei Gunners ha parlato così in conferenza stampa: "Conte ha cambiato le cose, sarà un altro Chelsea". Sul ritiro di Lampard: "E' stato un grande giocatore, la sua costanza negli anni è stata incredibile". Su Kante: "Abbiamo provato a prenderlo sia quand'era in Francia che al Leicester"

Chelsea primo, primissimo. 56 punti e leadership della Premier. Con l'Arsenal di Wenger, invece, secondo insieme al Tottenham tra gli inseguitori (47 punti). E sabato la grande sfida tra i due, se il Chelsea dovesse vincere saluterebbe chi sta dietro. Obiettivo fuga per Antonio Conte. Il quale, nella partita d'andata, perse addirittura per 3-0. Altri tempi, altre gare. Con Wenger che l'ha ricordato in conferenza stampa: "La sconfitta dell'andata contro di noi è stato un campanello d'allarme, senza dubbio. Conte è riuscito a cambiare le cose. Quando li abbiamo battuti 3-0 non mi aspettavo che avessero 13 gare di imbattibilità, ma hanno trovato un migliore equilibrio difensivo, sono molto bravi in fase di transizione". Capitolo infortunati: "Ramsey starà fuori per un po', circa 21 giorni. Ma abbiamo buoni giocatori in grado di sostituirlo, tipo Adelaide o Maitland-Niles. Anche Chamberlain può giocare in quel ruolo. Giroud farà una prova ma penso andrà bene. Welbeck forse torna". Continua Wenger, su Kante: "Ha avuto un impatto enorme col Chelsea". E quando gli chiedono sul perché non ha firmato per l'Arsenal risponde così: "E' ovvio quando si guarda dov'è andato a giocare. Non voglio parlare di questo, ma l'abbiamo provato a prendere sia in Francia che col Leicester". 

Su Lampard e Mbappe - Wenger ha commentato anche il ritiro di Frank Lampard, ex bandiera del Chelsea che proprio giovedì ha appeso gli scarpini al chiodo: "E' stato tra i giocatori top, tra i primi. I più forti che hanno mai giocato. Era un grande calciatore e la sua costanza negli anni è stata davvero incredibile". L'Arsenal ha provato a prendere Mbappe, esterno d'attacco del Monaco: "E' un talento enorme, lo abbiamo cercato l'anno scorso è rimasto in Francia. E' simile ad Henry, gioca anche nella squadra in cui ha iniziato lui. Ora sta a lui mostrare di cosa è capace. Sulla prossima sfida contro il Chelsea, decisiva ai fini di classifica: "I ragazzi sono molto delusi quando non riescono a vincere, quindi abbiamo un grande desiderio di vittoria!"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche