L'orgoglio di Mou: "Al Chelsea sono ancora il n.1"

Premier League

Uscito sconfitto per la seconda volta in stagione da Stamford Bridge, l’allenatore portoghese ha risposto ai tifosi che lo provocavano e che non hanno mostrato gratitudine per le vittorie ottenute nella sua esperienza in Blues: "Finché un allenatore qui non vincerà quattro Premier io rimarrò il migliore"

Altro ko - Dopo la pesante sconfitta subita in campionato, José Mourinho è uscito ancora una volta sconfitto da quella che per anni è stata la sua casa. A Stamford Bridge la sfida tra il suo Manchester United e il Chelsea di Antonio Conte è finita 1-0 per i Blues, che hanno così raggiunto la semifinale di FA Cup eliminando i Red Devils. Serata difficile per la squadra dell’allenatore portoghese, che prima è stata costretta a giocare in inferiorità numerica per circa un’ora, poi ha registrato qualche scintilla in panchina tra lo stesso tecnico e il collega italiano, poi ha subito il gol di Kanté che ha deciso l’incontro. Inoltre, Mou ha dovuto sentire qualche coro poco piacevole nei suoi confronti dalle tribune: a chi gli cantava "Non sei più lo Special One" o addirittura lo chiamava "Giuda" l’allenatore ha risposto mostrando tre dita della mano, a indicare il numero dei titoli di Premier League vinti quando sedeva sulla panchina del Chelsea.

"Giuda è il numero uno..." -
E il concetto è stato poi ribadito anche nel post partita: "Finché nessun altro vincerà tutti i titoli che io ho vinto al Chelsea, io qui rimarrò il numero uno. I tifosi dei Blues possono chiamarmi come vogliono ma fino a quando non avranno un manager capace di vincere quattro volte la Premier il numero uno sono io: Giuda è il numero uno". Chiaro e diretto come sempre. Mourinho ha poi anche parlato dell’ingiusta (a suo giudizio) espulsione di Herrera e del fatto che la gara sia stata condizionata. Non è invece tornato sull’episodio dell’espulsione, invece, Antonio Conte; nel post gara l’italiano ha cercato di non alimentare polemiche, analizzando così la serata della sua squadra: "Per me conta solo quello che fanno i miei giocatori in campo; quel che accade fuori è relativo, a volte fa addirittura sorridere".

Le parole di Conte - "Per 20-25 minuti di partita - ha poi sottolineato il tecnico italiano - Hazard non ha praticamente potuto giocare visti tutti i falli che stava ricevendo: questo tipo di tattiche, per me, non sono calcio". Proprio un intervento di Herrera su Hazard aveva convinto il direttore di gara a estrarre il secondo giallo per il giocatore dello United in pochi minuti; Mourinho, a sua volta, aveva protestato poi per la mancata sanzione ai danni di Cahill dopo un fallo su Rashford ma nonostante le scintille e i tentativi dei Red Devils di sistemare le cose, il Manchester non è poi riuscito a recuperare lo svantaggio e ha così chiuso la sua avventura in FA Cup. Passa il Chelsea, che in semifinale affronterà il Tottenham.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche