Merseyside Derby, è festa Reds: Everton steso 3-1

Premier League

La squadra di Klopp non va mai in difficoltà e doma i cugini con le reti di Mané, Coutinho e Origi. I Toffees pagano le troppe assenze, brutta prestazione per Lukaku

La 228^ stracittadina di Liverpool è preda dei Reds, che battono meritatamente l'Everton e salgono a 59 punti. Il modo migliore per onorare la memoria di Ronnie Moran, scomparso dieci giorni fa. L'Everton si presenta al derby nelle condizioni peggiori: gli impegni delle Nazionali privano infatti Koeman di Funes Mori, Coleman e Schneiderlin e così l'allenatore olandese sceglie la linea verde: tanti giovani in campo, tra cui Pennington, classe '94 al debutto in Premier. Il numero 38 sarà protagonista nel bene e nel male del match, mentre sull'altra sponda Klopp deve rinunciare a Henderson e Lallana, oltre che Sturridge, e punta su un tridente d'attacco leggero. Il primo squillo dell'incontro è di Sadio Mané, match winner nella partita d'andata, che all'8' fa una delle sue solite percussioni in area e con un mancino chirurgico realizza il vantaggio Reds. Il derby è tipicamente una partita di nervi e muscoli e anche questa volta non si smentisce. Gli scontri fisici in mezzo al campo si susseguono, ma nessuna delle due squadre trova il corridoio giusto per colpire. Ci prova Coutinho, bravo a disorientare Pennington e a colpire di destro, ma altrettanto pronta è la risposta del portiere Robles, con Jagielka che di testa poi pulisce l'area. È proprio su una spizzata del difensore di origine polacca che arriva il pareggio dell'Everton: lo firma Pennington, bravo a fiondarsi sul pallone a centro area. La gioia Toffees dura però pochissimo, con il giovane debuttante che si fa beffare da Coutinho. Questa volta il brasiliano fa un capolavoro, infilando all'incrocio il suo destro a giro e battendo un incolpevole Robles.

Colpo del ko - Inizia la ripresa e il primo episodio degno di nota è l'infortunio di Mané, costretto qualche minuto dopo a lasciare il campo. Al suo posto entra Origi che, tempo di far passare una manciata di secondi, sigla il 3-1 per il Liverpool. Tutto troppo facile per il giovane attaccante belga, lasciato solo al limite dell'area da una difesa molle e disorganizzata. Fallisce il piano tattico di Koeman, con gli esterni di centrocampo larghi volti a trasformare a 5 la difesa in fase di non possesso. L'allenatore allora prova a sistemare le cose inserendo Enner Valencia e Barry. A dare un'ultima speranza di rimonta è però Holgate, che costruisce due ottime occasioni da gol nel giro di un minuto. Sull'altro versante il neo entrato Alexander-Arnold sfiora il poker in pallonetto, prima che l'arbitro Taylor cali il sipario sul derby. I Reds bissano il successo dell'andata, che vale il provvisorio aggancio al Tottenham al secondo posto. Per Lukaku (irriconoscibile) e compagni un ko che rischia di far tramontare le ambizioni europee dei Toffees.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche