Swansea-Chelsea 0-1: decide Fabregas. Tutti i risultati di Premier League: gol e highlights

Premier League
swansea_chelsea

La squadra di Conte passa a Swansea con il gol a inizio partita di Fabregas e si avvicina al Tottenham, di scena lunedì contro il Watford, e va a -6 dal Liverpool, con lo scontro diretto ancora da giocare. Tra gli altri risultati vittorie esterne per Everton e WBA. Tre punti preziosi in ottica salvezza per il Southampton, mentre il Leicester crolla in casa del Palace. 0-0 infine tra Burnley e Brighton

PREMIER, RISULTATI E CLASSIFICA

LIVERPOOL, PARI SENZA GOL CONTRO LO STOKE

SWANSEA-CHELSEA 0-1

4' Fabregas

Swansea (3-4-2-1): Fabianski; Naughton, van der Hoorn, Mawson; Roberts (63' Carroll), Ki, King (58' Dyer), Olsson (81' Routledge); Ayew A., Clucas; Ayew J.

Chelsea (3-5-1-1): Courtois; Azpilicueta, Cahill, Rudiger; Moses, Fabregas (81' Pedro), Kanté, Bakayoko, Emerson Palmieri; Hazard (81' Willian); Giroud (85' Morata).

Il Chelsea sbanca il campo dello Swansea e torna clamorosamente in corsa per un piazzamento Champions. In terra gallese basta una rete in avvio di gara di Fabregas per consegnare la vittoria in mano alla squadra di Antonio Conte. Lo spagnolo riceve l’assist del solito Hazard e col mancino mette la sfera nell’angolo. I Blues fanno il minimo necessario in campo, ma riescono ad andare a vicini al raddoppio con Mawson che svirgola e rischia di beffare il suo portiere. La traversa lo aiuta e la palla finisce in angolo. Nella ripresa lo Swansea alza il ritmo e a metà tempo va due volte a un passo dal pari. La prima volta su una mischia in area, la seconda su una conclusione mancina di Jordan Ayew che, deviata, sfiora il palo alla destra di Courtois. I londinesi sprecano tanto in contropiede e rischiano grosso al 90’, quando Carroll, entrato al posto di Roberts, accarezza il meritato pari con un tiro sinistro che esce di un niente. L’ultimo brivido lo crea Routledge, ma non basta a cambiare il punteggio. Il Chelsea va a -2 dal Tottenham, impegnato nel Monday Night contro il Watford, mentre lo Swansea rimane con un solo punto di vantaggio sulla zona retrocessione.

HUDDERSFIELD-EVERTON 0-2

39' Tosun, 77' Niasse

Huddersfield (4-2-3-1): Lossl; Hadergjonaj, Zanka, Schindler, Kongolo; Hogg (62' Malone), Mooy; Quaner (59' Billing), Pritchard, van La Parra (75' Depoitre); Mounie.

Everton (4-3-3): Pickford; Coleman, Jagielka, Keane, Baines; Niasse, Schneiderlin, Rooney (63' Davies); Walcott, Tosun (72' Niasse), Vlasic (75' Funes Mori).

Vittoria esterna per l'Everton di Allardyce, fresco di rinnovo, che passa 2-0 ad Huddersfield e lascia in piena lotta retrocessione i padroni di casa. Dopo una buona prima mezz'ora da parte dei ragazzi di Wagner, i Toffees passano al 39' con Tosun. Decisivo il break di Walcott che serve il compagno turco al limite dell'area e quest'ultimo, con un destro chirurgico, trafigge Lossl sul palo lontano. Il gol della sicurezza lo firma invece Niasse nel quarto d'ora di finale di partita. Il senegale, appena entrato, ha tutto il tempo di piazzare la sfera alle spalle dell'estremo difensore e permettere ai suoi di salire a quota 48 punti in classifica. L'Huddersfield resta invece a 35, a +2 dal terz'ultimo posto.

SOUTHAMPTON-BOURNEMOUTH 2-1

25' Tadic (S), 45+1' King (B) 54' Tadic (S)

Southampton (4-4-2): McCarthy; Cedric Soares, Yoshida, Hoedt, Bertrand; Tadic (82' Ward-Prowse), Romeu, Lemina, Bednarek; Austin (72' Højbjerg), Redmond (59' Long).

Bournemouth (4-4-2): Begovic; Francis, Cook, Ake, Daniels; Mousset (64' Ibe), Gosling (72' Surman), Cook, Fraser; Wilson (64' Defoe), King.

La quota salvezza si è alzata per merito del Southampton che non ha proprio nessuna intenzione di mollare, come dimostra il 2-1 ai danni del Bournemouth. Mattatore della sfida Dusan Tadic, a segno in entrambi i tempi. La rete del vantaggio arriva al termine di un fulmine contropiede dei Saints, condotto da Redmond e Lemina, con l'ex Juve che serve il serbo per il diagonale dell'1-0. Nel recupero però gli ospititrovano il pari con il tocco sotto porta di King sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Nella seconda frazione di gioco ci pensa ancora il classe '88 a riportare avanti i suoi, recuperando una palla a metà campo e poi concludendo con uno spendido tiro di punta esterna mancina. Nel finale il Southampton spreca numerose occasioni per mettere in cassaforte la vittoria, ma alla fine i tre punti arrivano lo stesso.

BURNLEY-BRIGHTON 0-0

Burnley (4-4-2): Pope; Lowton, Long, Tarkowski, Ward; Lennon (72' Nkoudou), Cork, Westwood (81' Hendrick), Gudmundsson; Wood (66' Vokes), Barnes.

Brighton (4-4-1-1): Ryan; Bruno (89' Schelotto), Duffy, Dunk, Bong; Knockaert, Kayal, Stephens, Izquierdo (82' March); Gross; Ulloa (67' Murray).

Oltre all'anticipo Liverpool-Stoke, termina senza reti anche l'incontro tra Burnley e Brighton. Un punto utile ai Claret per tenere più che mai in pugno il sogno Europa League. L'occasione migliora capita alla mezz'ora a Long che, da due passi, non riesce a siglare la rete per l'intervento miracolo di Duffy sulla linea. Il Brighton prende poi le contromisure agli avversari, ma non riesce a rendersi pericoloso in fase offensiva. Nella ripresa calano il ritmi e alla fine entrambe le squadre si accontentano del pari.

CRYSTAL PALACE-LEICESTER 5-0

17' Zaha, 38' McArthur, 82' Loftus-Cheek, 84' van Aanholt, 90' rig. Benteke

Crystal Palace (4-4-2): Hennessey; Ward, Tomkins, Sakho, van Aanholt; McArthur (83' Schlupp), Milivojevic, Cabaye, Loftus-Cheek (86' Lee Chung-Yong); Townsend (86' Benteke), Zaha.

Leicester (4-4-1-1): Hamer; Choudhury (46' Adrien Silva), Maguire, Morgan, Chilwell; Mahrez, Albrighton, Ndidi (51' Dragovic), Gray; Iheanacho (46' Diabate); Vardy.

Espulsioni: 56' Albrighton

Esce sconfitto con un pesante 5-0 il Leicester al Selhurst Park. Il Crystal Palace sblocca dopo 17 minuti con Zaha che finalizza un'azione quasi rugbistica dei suoi. È lo stesso attaccante poi a fornire a McArthur la palla del 2-0 in chiusura di primo tempo. Il crollo delle Foxes, in 10 per l'espulsione al 56' di Albrighton arriva definitivamente negli ultimi otto giri di orologio: Loftus-Cheek scappa via sul filo del fuorigioco, salta il portiere e deposita in rete il 3-0. Neanche 100 secondi dopo la situazione si ripete, Hamer fa il miracolo ma non può nulla sulla ribattuta precisa di van Aanholt. La festa del Palace la completa Benteke allo scadere, su calcio di rigore. Per i ragazzi di Roy Hogdson un successo che equivale praticamente alla conquista della salvezza

NEWCASTLE-WEST BROMWICH 0-1

29' Philipps

Newcastle (4-4-1-1): Dubravka; Yedlin, Lascelles, Lejeune, Dummett (58' Murphy); Ritchi, Diame, Shelvey, Kenedy; Perez (78' Joselu); Gayle (65' Slimani).

West Bromwich (4-4-1-1): Foster; Nyom, Dawson, Hegazy, Gibbs; Philipps, Livermore, Brunt, McClean (89' Evans); Jay Rodriguez (77' Krychowiak); Rondon (90' Robson-Kanu).

Vince infine anche il West Browmich che sta chiudendo con grande orgoglio la sua esperienza in Premier, con la retrocessione già aritmetica da qualche giornata. A farne le spese questa volta il Newcastle, al secondo ko di misura consecutivo e forse ormai con poche motivazioni per questo finale di campionato. Il gol decisivo lo realizza Philipps che sorprende la difesa dei Magpies alle spalle e incrocia sul secondo palo regalando i tre punti ai suoi. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche