Sakho passa dal West Ham al Rennes e lascia la sua Lamborghini davanti al campo di allenamento

Premier League
combo_sakho

Curioso particolare rivelato dal Daily Mail: il senegalese, lo scorso gennaio, si è trasferito al Rennes ma ha deciso di lasciare a Londra, davanti al campo d'allenamento, la sua Lamborghini appena acquistata

WEST HAM, MALEDETTA CLAUSOLA: L'ESONERO DI PELLEGRINI COSTA 15 MLN DI STERLINE

Il West Ham vive un momento di profonda crisi. Quattro sconfitte nelle prime quattro giornate, una partenza durissima in continuità con i pessimi risultati maturati già nella passata stagione, chiusa al 13° posto e con la peggior difesa di tutto il campionato (68 reti al passivo). Eppure in estate la società ha investito pesantemente per rinforzare la squadra, oltre 100 milioni di sterline. Denaro - almeno per adesso - investito male, in linea con quanto fatto da uno dei giocatori protagonisti della negativa annata degli Hammers nella Premier 2017-18: Diafra Sakho. Protagonista a metà perché il calciatore a gennaio ha lasciato Londra per trasferirsi al Rennes, lasciando nella capitale londinese qualcosa di molto prezioso, la sua Lamborghini. Il senegalese infatti è volato in Francia e non si è preoccupato di portare con sé l'auto appena acquistata per circa 200 mila sterline. Il veicolo, come riporta il Daily Mail, è rimasto incustodito per mesi a due passi da Rush Green, il centro di allenamento del club, destando la curiosità dei numerosi passanti e anche la rabbia di alcuni di loro per lo spreco compiuto dal 28enne attaccante, in campo per 4 minuti con la sua Nazionale durante l'ultimo Mondiale. L'esperienza in Ligue 1 non è andata secondo le aspettative e in estate ha di nuovo cambiato squadra, accasandosi in prestito al Bursaspor dove ha bagnato il suo debutto con la rete del pareggio contro il Besiktas.

Auto di Sakho a parte, il centro sportivo degli Hammers continua a ricevere dei giudizi molto negativi. Anche il nuovo allenatore, Manuel Pellegrini, sta incontrando infatti le stesse criticità denunciate dal suo predecessore, Moyes. I campi non riscaldati a dovere durante il freddo inverno hanno costretto più volte l'ex manager a far allenare la squadra in palestra, anche questa però giudicata troppo piccola per i giocatori, e ha dovuto inoltre condividere lo spogliatoio con altre 14 persone non previste inizialmente. Una carenza di strutture quasi paradossale per un club, tra i più ambiziosi e facoltosi della Premier League, e forse uno dei motivi alla base dell'insuccesso intercorso negli ultimi campionati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche