Chelsea, Jorginho: "Vi spiego Sarri e le sue superstizioni. Ma non sono il suo cocco"

Premier League

"Se dovessi raccontare tutte le sue superstizioni, staremmo qui fino a domani". Jorginho è la proiezione in campo di Maurizio Sarri e ne conosce molti segreti, tanto da essersi guadagnato l'appellativo di Sarri's son

PREMIER LEAGUE, CALENDARIO E RISULTATI

MUTU, RESPINTO IL RICORSO: DEVE 17 MILIONI AL CHELSEA

Maurizio Sarri non è soltanto principi tattici impartiti con maniacalità ai propri giocatori. Ma molto di più: anche stranezze e superstizioni costruiscono il suo personaggio, raccontato da chi - tra i calciatori blues - lo conosce sicuramente meglio di tutti. Stiamo parlando ovviamente di Jorginho, proiezione di Maurizio Sarri in campo e già detentore dei principi di cui sopra data la comune esperienza a Napoli. Il nazionale italiano si è anche guadagnato l'appellativo di "Sarri's son" (figlio di Sarri) e in un'intervista al The Sun ha parlato a 360° del suo allenatore. "Le superstizioni di Sarri? Se dovessi elencarle tutte, staremmo qui fino a domattina - ha ammesso Jorginho - ma ve ne dico una: se la palla esce per una rimessa laterale, lui si rifiuta di toccarla e non la rimanda in campo". Anche se, ad essere pignoli, secondo i principi del sarrismo la palla dovrebbe uscire davvero raramente dal rettangolo verde.

"Non sono il cocco di Sarri"

Non a caso, Jorginho ha stabilito il record per la Premier League di 180 passaggi nella sfida pareggiata per 0-0 contro il West Ham. "Sarri - ha proseguito Jorginho - ha una grande storia personale, ma è sempre rimasto vero e fedele a se stesso; è una persona molto semplice, schietta. Dal punto di vista tattico, il suo stile di gioco è offensivo: in campo attacchiamo molto, l'organizzazione è la chiave di tutto. Quando giochiamo, tutti sanno cosa devono fare e così diventa più facile per tutti". Jorginho è sicuramente partito avvantaggiato rispetto ai compagni, si rifiuta però di essere definito il cocco di Sarri: "Ci sono tante cose del nostro rapporto che la gente non conosce, che vanno oltre questo tipo di definizione". E in questo senso, è arrivata anche la conferma di Hazard: "Jorginho è un top-player, sta giocando in maniera fantastica e non perché è amico di Sarri: sono già in confidenza perché sono stati insieme prima e si conoscono, parlano e ridono spesso insieme. Ma lo capisco, perché Jorginho è un grandissimo giocatore e ci semplifica la vita in campo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche