Manchester United, Gary Neville: "Ferguson odiava la maglia grigia perché i giocatori non riuscivano a vedersi"

Premier League

L'ex difensore del Manchester United rivela una curiosità sul completo che indossavano i Red Devils nel 1996: "A Ferguson non piaceva perché non permetteva ai giocatori di vedersi tra di loro". E contro il Southampton ordinò il cambio d'abito dopo i primi 45 minuti

INGHILTERRA-CROAZIA LIVE

FERGUSON TORNA ALL'OLD TRAFFORD DOPO L'INTERVENTO: FOTO

PREMIER, UFFICIALE IL VAR DALLA PROSSIMA STAGIONE

Red Devils o Grey Devils? Per Sir Alex Ferguson non ci sono dubbi: meglio la versione in rosso. Nel 1996, infatti, lo United presentò una divisa da trasferta insolita rispetto alla tradizione. Il colore era il grigio e sembrava non portare troppa fortuna al club di Manchester, chiamato a recuperare gli oltre 10 punti di svantaggio dal Newcastle capolista. Lo stesso allenatore se ne era lamentato, ma nessuno lo aveva assecondato. Almeno fino alla partita in casa del Southampton - con gli ospiti reduci da un'incredibile rimonta in classifica sui Magpies e lanciatissimi verso il titolo della Premier -, quando il manager scozzese decise di fare di testa propria. Al termine dei primi 45 minuti, infatti, Cantona e compagni erano sotto di tre gol contro i Saints, in piena lotta salvezza, e Sir Alex ne individuò la causa proprio nel completo grigio. Pensò bene, dunque, di cambiare le maglie nell'intervallo, tant'è che i giocatori dello United uscirono dagli spogliatoi con una nuova divisa blu su sfondo bianco. Il cambio d'abito non bastò a cambiare le sorti dell'incontro, nonostante il gol di Giggs avesse ridato una minima speranza ai suoi. Ma perché Ferguson odiava tanto quel kit? A svelarlo, oltre vent'anni dopo, è stato uno dei protagonisti di quello United, una vera leggenda dalle parti di Old Trafford: Gary Neville. "C'è una teoria scientifica dietro - ha spiegato l'ex terzino nel podcast Quickly Kevin, Will He Score? -. Il mister aveva assunto un oculista specializzato. Gli ha fatto fare un sacco di esercizi sull'attenzione e ha detto a Ferguson di immaginare una folla alle sue spalle: ci sono dei colori che ognuno di noi può vedere più degli altri. È lo stesso motivo per cui si utilizzano i giubbotti catarifrangenti sulle autostrade. L'allenatore credeva, dunque, che con quei completi grigi i giocatori non riuscivano a vedersi bene a distanza. Succedeva da mesi e lui aveva già rifiutato questo kit un paio di mesi prima, ma senza essere ascoltato". Problema reale, probabilmente, ma usato anche dal manager scozzese per distogliere l'attenzione dalla squadra: "Quando alcuni di noi sbagliavano, era la scusa ideale per lui - ha concluso Neville -. Era un maestro di distrazione e così l'attenzione dei media non era più rivolta ai calciatori".

    

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche