Manchester City, Guardiola: "Mahrez non gioca? Colpa mia"

Premier League

L'allenatore del club inglese: "Riyad sta trovando poco spazio ma si sta allenando benissimo e conosco le sue qualità. Mi spiace non riuscire a dargli il minutaggio che meriterebbe, ma il suo momento sta per arrivare"

SARRI NON DÀ LA MANO, MA PEP: "NON MI HA VISTO"

PEP, LEZIONE A SARRI: CITY-CHELSEA 6-0

E' stato il grande investimento della scorsa sessione di calciomercato del Manchester City, il fiore all'occhiello della campagna acquisti dei Citizens: Riyad Mahrez, però, non sta riuscendo a imporsi come vorrebbe nella sua nuova squadra. 34 presenze, nove gol e 10 assist in tutte le competizioni fino a questo momento della stagione per l'ex Leicester, che però nelle ultime sette partite di Premier League del Manchester City è sceso in campo in totale per 24 minuti di gioco! Una bocciatura? Macché, almeno ad ascoltare Pep Guardiola: "Non sto riuscendo a dargli il minutaggio che merita, ma il ragazzo non ha assolutamente nessuna colpa. Mi spiace e sono triste, perché Riyad si sta allenando benissimo. E' un giocatore di grande talento, ma in rosa abbiamo cinque attaccanti incredibili, calciatori come Bernardo Silva e Sterling che in questo momento sono in ottima forma. Le esclusioni di Mahrez sono legate solo a questo", ha ammesso l'allenatore del Manchester City a Sky Sports.

"Sta arrivando il momento di Mahrez"

"Siamo tutti felici di Mahrez, ma in questo periodo non sto riuscendo a dargli il minutaggio che meriterebbe. Mi spiace, posso solo dire questo", ha proseguito Guardiola. Ultima gara da titolare in Premier che risale al 30 dicembre 2018 per Mahrez, che potrebbe essere impiegato dal primo minuto nel match di FA Cup contro il Newport: "Non è facile per un ragazzo che non gioca regolarmente entrare e giocare ad alti livelli. Se scenderà in campo per 5-6 gare di fila, offrirà prestazioni dello stesso livello dei titolari. E Mahrez lo ha già dimostrato disputando partite eccezionali quando ha trovato continuità. Io non ho dubbi sulle sue qualità, lui deve andare avanti così. Il suo momento sta per arrivare e sono sicuro che giocherà bene quando lo schiererò in campo", ha concluso Guardiola.

I più letti