Chelsea, tifosi vendono abbonamenti per protesta contro Sarri

Premier League

Singolare iniziativa dei tifosi Blues, che – secondo quanto riportato da alcune fonti inglesi – per spingere il club ad esonerare l’allenatore italiano avrebbero deciso di disertare Stamford Bridge mettendo in vendita i propri abbonamenti

RATCLIFFE INTERESSATO ALL'ACQUISTO DEL CHELSEA

CALCIOMERCATO CHELSEA: GIROUD FA LE VALIGIE?

SARRI DIFENDE JORGINHO: "I COMPAGNI NON SI MUOVONO"

Un amore mai sbocciato quello tra Maurizio Sarri e i tifosi del Chelsea. Nonostante un inizio di stagione piuttosto convincente, il gioco dell’allenatore italiano non è riuscito ad affascinare i supporters dei Blues, che ben presto hanno iniziato a contestarlo. Dopo le prime sconfitte che hanno portato il club lontano dai primi posti della classifica di Premier League, poi, il rapporto si è definitivamente incrinato e i tifosi hanno iniziato a chiedere a gran voce l’allontanamento dell’ex Napoli. E adesso gli spettatori di Stamford Bridge avrebbero pensato a una singolare protesta per spingere la società a cacciare l’allenatore.

Abbonamenti in vendita

Come riportato dal Daily Mail, infatti, parecchi sostenitori del Chelsea avrebbero deciso di disertare lo stadio in occasione dei prossimi impegni casalinghi e di mettere in vendita i propri abbonamenti. Il tutto in segno di protesta nei confronti di Maurizio Sarri, ospite non più gradito sulla panchina di Stamford Bridge. Già nell’ultimo match di campionato contro il Wolverhampton, a dire il vero, parecchi posti sugli spalti erano risultati stranamente vacanti. Il fenomeno, però, dovrebbe ripetersi anche nelle gare interne in programma nel mese di aprile contro Brighton, West Ham e Burnley. Una sorta di vero e proprio ammutinamento da parte dei tifosi contro l’allenatore dunque: secondo i dati raccolti da Sportsmail, sarebbero già oltre 400 i titolari di abbonamento che hanno messo in vendita il proprio titolo di ingresso in vista del derby del prossimo 8 aprile contro il West Ham. Ancor di più, 700, i tifosi che avrebbero piazzato sul servizio di scambio ufficiale del club le tessere per la gara contro il Burnley in programma il 22 aprile, mentre altri, pur non avendo messo ufficialmente in vendita i propri abbonamenti, non avrebbero alcuna intenzione di mettere piede a Stamford Bridge.

Cori contro Sarri

Una situazione particolarmente delicata dunque per Maurizio Sarri, che attualmente si trova in sesta posizione in Premier League – ancora in corsa per un posto nella prossima Champions – e ai quarti di finale - con un percorso sulla carta agevole per arrivare in fondo – in Europa League. Nonostante questo, però, i tifosi del Chelsea sembrerebbero aver perso ormai definitivamente ogni tipo di fiducia nei confronti dell’allenatore italiano, che è stato palesemente contestato nel corso della gara interna persa in Coppa d’Inghilterra contro il Manchester United. Nello specifico, Sarri è finito nel mirino dei tifosi per le sue sostituzioni, mentre sono arrivati cori pesanti contro il cosiddetto Sarri-ball, lo stile di gioco che l’allenatore ha cercato di imporre alla sua squadra.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche