Dinastia Solskjaer, il debutto del figlio di Ole è contro il papà

Premier League

Marco Salami

Incrocio del destino tra Ole e il suo primogenito: nell'amichevole Kristiansund-Manchester United, Noah ha mosso i suoi primi passi da professionista. A osservarlo in panchina (accanto all'idolo Carrick) c'era anche Elijah, l'altro figlio di Solskjaer

MANCHESTER UNITED-CHELSEA LIVE

Biondo come lo era papà. Sorridente come lo è papà. E da qualche giorno tra i professionisti del pallone, come papà e… contro papà. La dinastia dei Solskjaer continua nel segno di Noah, il diciannovenne figlio di Ole che ha debuttato tra i grandi del calcio sfidando nientemeno che il Manchester United e proprio davanti agli occhi del suo primo tifoso. Al momento dell'ingresso in campo una pacca sulla spalla, un sorriso e il miglior augurio che si possa fare al figlio: quello di ripetere le proprie gesta. Il quadretto familiare, completato dall'altro (di tre) figli di Solskjaer seduto in panchina accanto al padre, è andato in scena nell'amichevole tra i norvegesi del Kristiansund e il Manchester United.

Noah Solskjaer ha fatto i suo ingresso tra i pro del calcio al minuto numero 87, e poco importa se proprio pochi secondi dopo sia arrivato il gol partita dell'1-0 di Mata (in una vittoria comunque poco entusiasmante per il papà-allenatore). La gioia nel vedere il proprio ragazzo scendere in campo - per di più accanto all'altro figlio Elijah - è stata sicuramente più forte di ogni aspetto tecnico legato al suo United.

Elijah tra papà Ole e Michael Carrick

Ma chi è Noah Solskjaer, il primogenito del calciatore che portò lo United sul tetto d'Europa nel 1999? Non un attaccante è la prima risposta da dare. "Mentre suo padre era molto efficace ogni volta che si avvicinava all'area, Noah è uno che organizza il gioco - sono le parole riportate dal Sun dell'allenatore del Kristiansund Christian Michelsen -. Ha iniziato giocando in avanti, ma poi è tornato a centrocampo". Un modello? Lo ha detto lo stesso Noah: "È Michael Carrick" - proprio l'uomo seduto accanto al fratellino Elijah e collaboratore tecnico allo United di papà Ole. "Ora sono più un numero 6 a centrocampo che un numero 10". E anche lo stesso manager dei Red Devils si è complimentato con lui: "Ha fatto il suo debutto di fronte a 28mila persone, non una cosa che capita molto spesso a un norvegese". Certo… a meno che il tuo cognome non sia Solskjaer.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.