Roma, il segreto è la spina dorsale

Serie A

Angelo Mangiante

Ci sono quattro nomi dietro ai successi della Roma di Spalletti: Fazio, De Rossi, Nainggolan e Dzeko, che rappresentano l'ossatura inamovibile della squadra

È il segreto delle grandi squadre. Non a caso era fiero Fabio Capello quando ricordava la spina dorsale, Samuel-Emerson-Batistuta, fondamentale per vincere l'ultimo scudetto a Roma. Fondamentale come Bonucci-Pirlo-Tevez nella Juve di Conte o Bonucci-Marchisio-Dybala-Higuain in questa di Allegri, in testa al campionato. Inseguita ora da Fazio-De Rossi-Nainggolan-Dzeko, la spina dorsale autentica garanzia della Roma di Spalletti.

Inamovibile come dimostra anche il minutaggio. Non a caso tre di loro sono stati utilizzati più di tutti in campionato. Con Dzeko al 1° posto con 1519' giocati, davanti a Fazio e Nainggolan.
La sorpresa più grande è Fazio. Si fermano a turno i vari Manolas e Vermaelen, ma lui è una roccia. Un muro l"argentino. Titolare inamovibile. Per Spalletti "l'esempio per tutti".

Davanti come posizione ha De Rossi: leader in campo e fuori. Tornato al centro di tutto. La vena si gonfia e la spina dorsale con lui sta in piedi.
Con Nainggolan a fare da raccordo tra De Rossi e Dzeko. Uno e trino. Mediano, rubapalloni e incursore. Trasformista e trascinatore. Tornato al Top. Non sbagliava Conte a provare a prenderlo a tutti i costi. Pedina tattica preziosissima, capace di esaltarsi come incursore alle spalle di Dzeko.

Il centravanti rivitalizzato da Spalletti che ora ripete spesso: "La Roma migliore si può vedere solo con Dzeko in campo". Il salto di qualità passa attraverso i suoi gol, 18 complessivi finora. E passa attraverso una spina dorsale che rivedremo in campo domenica a Marassi contro il Genoa.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche