Torino, Belotti: "I prossimi rigori li tirerò io"

Serie A
belotti_esultanza_getty

L’attaccante granata ha parlato delle difficoltà vissute dalla sua squadra poi è tornato sull’episodio che ha visto coinvolto il compagno: "Adem si sentiva pronto per tirarlo, in allenamento calcia i rigori e li calcia molto bene. Purtroppo per noi oggi il portiere è rimasto fermo"

Il doppio vantaggio conquistato nel primo tempo non è bastato al Torino per battere il Milan di Montella. La partita è dunque finita 2-2, così come in Coppa Italia, i granata hanno subito la rimonta dei rossoneri e hanno così portato a casa un solo punto. Nel post gara Sinisa Mihajlovic si è detto "infuriato e deluso", dello stesso umore anche Andrea Belotti, ancora una volta autore di una grande prestazione. Queste le sue parole nel post gara, ai microfoni di Sky Sport: "Abbiamo avuto un piccolo blackout e ci siamo fatti recuperare, ancora non abbiamo parlato con l'allenatore nel post partita, ci confronteremo domani e analizzeremmo i nostri errori. Penso che l'impressione di tutti dal campo è che nei momenti di difficoltà bisogna avere tutti più personalità perché se viviamo un momento di crisi all'interno di un match può darsi che uno sbaglia una palla e i compagni devono essere bravi a raddrizzare le cose".

"Il rigore? Dovevo tirarlo io" -
"Quello che è successo giovedì è successo anche oggi, il Milan ha recuperato la gara e queste cose non devono succedere; se il nostro obiettivo è quello di andare in Europa sicuramente dovremo migliorare molto su questo aspetto mentale. Il rigore di Ljaijc avrei dovuto tirarlo io però Adem si sentiva pronto per tirarlo e allora lo ha calciato lui. Non so che cosa volesse fare, ha scelto di tirare centrale e penso che quella fosse la sua vera volontà; non abbiamo parlato dell'episodio dopo la partita ma in settimana lui in allenamento calcia i rigori e li calcia molto bene. Purtroppo per noi oggi il portiere è rimasto fermo, ha intuito la traiettoria e gliel’ha parato davanti. Donnarumma è un portiere enorme, non direi che ti spaventa ma di sicuro ti copre tutto lo specchio della porta così come era successo a me a Milano all'andata ad agosto. I prossimi rigori comunque li tirerò io".

Sulla clausola rescissoria - "Per quanto riguarda il prezzo della mia clausola rescissoria posso dire che i 100 milioni fissati non sono un peso perché ormai si sa che nel mondo del calcio si parla sempre di cifre spropositate, che ormai tutti i giocatori vengono strapagati perché è cambiato il livello e il valore dei soldi. A me questo non deve comunque pesare, io devo rimanere concentrato solo sul campo e sul lavoro che devo fare ogni giorno, il resto non mi deve interessare. Il mio approccio alla professione è positivo perché sono convinto che noi facciamo il lavoro più bello del mondo, ogni volta che entro in campo per me è un'emozione unica e sono felice perché gioco a calcio e so che tanti ragazzi vorrebbero essere al mio posto. Io ho la fortuna di essere in campo e ogni volta ci penso, appena sono dentro voglio dare tutto per poi non avere alcun rimpianto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche