L'Inter "stacca" il Milan: solo sorpasso virtuale?

Serie A

Alfredo Corallo

La coreografia della curva interista in occasione dell'ultimo derby, terminato 2-2 (foto Getty)
inter_milan_sorpasso_2_getty

Dopo un "inseguimento" lungo 15 giornate i nerazzurri hanno superato i cugini, recuperando 13 punti nelle ultime 6 partite (ma i rossoneri ne hanno giocato una in meno). Montella aspetta rinforzi, in palio c'è l'Europa e, non meno importante, la supremazia cittadina

"I pussée bèj", i più belli. Calma: il "godimento" è soltanto virtuale (il Milan ha una partita in meno), ma dopo mesi di bocconi amari è concessa una settimana di "sfottò" ai tifosi interisti, tornati avanti in questa sfida tutta metropolitana, come non accadeva dal lontanissimo 25 settembre. Un sorpasso che si è consumato domenica pomeriggio a Palermo con la sesta vittoria consecutiva dei ragazzi di Pioli, che hanno approfittato della sconfitta casalinga dei rossoneri subita dal Napoli per mettere la freccia (da -1 a +2) e completare una rimonta che fino a qualche settimana fa sembrava quasi impossibile.



Erano trascorse appena 6 giornate, e di lì a poco la squadra di Montella avrebbe salutato la banda "stonata" di De Boer per arrivare al massimo vantaggio di 11 punti, ma con Pioli già in panchina: Milan-Crotone 1-0 e Napoli-Inter 3-0 alla 15esima, il vero punto di svolta della stagione nerazzurra e, di contro, il preludio al progressivo rallentamento di un Milan che stava viaggiando a ritmi da corsa scudetto (-4 dalla Juve capolista).

Premesse. Il mercato estivo dell'Inter lasciava supporre che Icardi e compagni avessero un leggero vantaggio - in termini di qualità - sui rossoneri, condizionati dal closing con i cinesi, non Vincenzo Montella, che in due mesi ha portato una squadra reduce dal settimo posto (praticamente la stessa di Mihajlovic) a sognare di poter tenere testa ai campioni d'Italia; al contrario di quello che succedeva dall'altra parte di Milano, con un allenatore (Roberto Mancini) in rotta con la società (vecchia e nuova), lasciando la "patata bollente" nelle mani di Frank De Boer, catapultato alla Pinetina a dieci giorni dall'inizio del campionato e a caccia di "sperimentazioni" (vedi Europa League) convinto di averne il tempo. Non l'ha avuto, ma difficilmente avrebbe potuto far meglio del suo successore, che - dopo il ko del San Paolo - le vincerà tutte...

Rigori, croce e delizia. Il Milan dei +11 sull'Inter andava all'Olimpico per giocarsi contro la Roma il ruolo di anti-Juve con una striscia di 4 successi e un pareggio (nel derby), ma già nel match precedente con il Crotone aveva manifestato qualche pericoloso segnale di allarme, "suonato" dal rigore sbagliato di Niang e "rientrato" con il gol-vittoria di Lapadula allo scadere. Ma quando il giovane francese - rigorista designato - si farà ipnotizzare anche da Szczesny, e poi sarà "punito" da Nainggolan, è come se i rossoneri avessero preso coscienza della loro vera "dimensione", rimandando ogni suggestione in campionato (non disdegnando comunque uno 0-0 a S. Siro con la super Atalanta) e puntando tutto sulla Supercoppa, una gara secca, dove tutto può accadere. Specialmente se in porta hai un fenomeno come Donnarumma, che para il penalty decisivo a Dybala e regala a Silvio Berlusconi il suo 29° trofeo (in 30 anni).   

Scatto Inter. Stefano Pioli prende il posto di De Boer l'8 novembre, e - complice la sosta per le nazionali - ha due settimane di lavoro davanti per preparare il derby. Il cambio di mentalità della nuova Inter scatta in quei giorni, certificato dal 2-2 di Perisic all'ultimo assalto, già sintomo di uno spirito diverso, più "da battaglia". Che "evapora" nuovamente a Napoli, ma torna vivo più che mai contro il Genoa, a Sassuolo e soprattutto nella sfida natalizia con la Lazio, "demolita" in meno di un quarto d'ora da Icardi e Banega. Ecco, non segna più soltanto Maurito, come nella precedente gestione: con i grifoni ci pensa Brozovic (doppietta), al Mapei Stadium Candreva (in gol anche nel derby). A Udine e Palermo Perisic e Joao Mario. E presto (sabato arriva il Pescara al Meazza) vorrà entrare nel tabellino dei marcatori anche Roberto Gagliardini, già titolare inamovibile e nuovo idolo della tifoseria. Insomma, il vento è cambiato, il tecnico emiliano sta costruendo un gruppo, un gioco, e non solo l'idea...

Fame di gol. E la differenza sostanziale tra le due squadre sta proprio qua: nelle ultime 6 giornate l'Inter è andata a segno 12 volte (subendo 2 reti), il Milan 4, incassandone 5 (con una partita in meno per l'impegno in Supecoppa, lo ricordiamo, che recupererà a Bologna l'8 febbraio). Ma se Icardi può anche permettersi di non timbrare il cartellino ogni santa domenica, lo stesso non potrebbe fare Carlos Bacca: senza il guizzo del colombiano i rossoneri soffrono, le reti di Bertolacci e Kucka hanno fruttato appena un punto (a Torino). Con Lapadula a secco dal Crotone e Niang non pervenuto (l'ultimo acuto del 16 ottobre al Chievo). Suso fermo all'Empoli (26 novembre) e Bonaventura che si esalta in coppa, ma manca all'appuntamento in campionato da 9 partite (l'1-0 da tre punti al Pescara risale al 30 ottobre). E Locatelli sta ancora esultando per il gol alla Juve...

Futuro. In questo senso gli ultimi giorni del mercato di gennaio saranno fondamentali in casa Milan, che si è già assicurato dall'Everton il talento del giovane attaccante spagnolo Gerard Deulofeu, recordman di presenze (32) e di reti con l'Under 21 spagnola (16). Potrebbe esserci con la Juventus mercoledì allo Stadium per i quarti di Tim Cup, altrimenti domenica pomeriggio a Udine. E i rossoneri non si fermeranno certo qui, in gioco c'è l'Europa, ma prima ancora un orgoglio tutto milanese.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport