Roma, tutto Nainggolan. Parla il primo allenatore

Serie A

Il centrocampista belga è sempre più decisivo per la sua Roma, grazie anche ai 12 gol messi a segno in Serie A dal ritorno di Spalletti nella capitale. Per scoprire quali sono i segreti del Ninja siamo andati a intervistare il suo primo allenatore ai tempi della primavera del Piacenza, squadra nella quale Nainggolan ha cominciato. 

Radja Nainggolan oramai si è preso la Roma. Da quando Spalletti è tornato sulla panchina giallorossa il belga sembra aver completato quel salto di qualità che lo ora lo ha portato alla definitiva consacrazione, anche internazionale. In campo è la guida tecnica ed emotiva della squadra. Non solo gol in continuazione e sempre decisivi, come quello contro il Crotone; ma anche grinta, personalità e la capacità di scuotere con le sue giocate e i suoi recuperi quasi impossibili i compagni nel momento di difficoltà. Leader assoluto, giocatore definitivo. Di lui sappiamo veramente molto, ma per conoscerlo meglio, allora, siamo andati a fare una chiacchierata con colui che per primo lo ha allenato ai tempi della Primavera del Piacenza nella stagione 2005-06, Luciano Bruni. Uno che si era subito accorto di avere sotto mano un giocatore particolare e diverso, sia in campo che fuori. "E' sempre difficile fare previsioni su giovani calciatori a così ampio raggio", ci ha detto, "ma si vedeva che aveva delle qualità importanti, che fosse già avanti rispetto a molti suoi coetanei. A 18 anni parlava già 4 lingue: francese, italiano, inglese e fiammingo". 

Voglia di fare gol - Spalletti ha avuto la grande intuzione di spostare Nainggolan nel ruolo di trequartista, ma è stato proprio Bruni per primo a farlo giocare in quella posizione. Senza però per questo volersi arrogare alcun merito: "Io lo facevo giocare da seconda punta alle spalle del centravanti in un 4-2-3-1, anche perchè lui voleva andare a far gol e mi chiedeva di giocare il più avanti possibile. A lui piaceva fare tutto con la palla e se c'era qualcosa durante un allenamento che non prevedeva l'uso del pallone era un po' assente e se io non guardavo faceva finta di svolgere l'esercizio. Poi, nel momento esatto in cui mi giravo, cominciava a fare quello che gli avevo chiesto".

Radja fuori dal campo - Personalità in campo, esuberanza fuori. Fin da quando era appena maggiorenne si era capito subito che tipetto fosse Nainggolan, come ci spiega proprio Bruni: "All'epoca, quando l'allenavo, di lui già si diceva che fosse bravo ma che avesse una testa molto particolare, ma era un ragazzo. Con lui e con alcuni dei suoi compagni c'era un rapporto molto particolare, anche perché condividavamo un appartamento e per forza di cose io ero una sorta di guardiano di questi ragazzi. Lo controllavo, ma qualche marachella la combinava comunque chiaramente. Come con il bancomat: lo usava in maniera sconsiderata e consumava tutto in maniera cospicua. Alla fine andò in rosso..."

Il rapporto continua - "Ci sentiamo ancora ogni tanto, soprattutto attraverso messaggi. Gliene ho mandato uno dopo la partita contro la Fiorentina, gli ho scritto: "Ma cosa vuoi fare, vincere il Pallone d'Oro?". Vederlo a questi livelli comunque mi rende proprio felice, anche perché il fatto di sapere che un piccolissimo miglioramento, seppur minimo, sia stato merito mio non può che gratificarmi"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche