Roma, Peres racconta: "Siamo un gruppo fantastico"

Serie A
Bruno Peres, esterno della Roma (getty)
peres_roma_getty

Durante l'#AskPeres organizzato dal club giallorosso, l'esterno (in forte dubbio per il match con il Lione di giovedì) si è raccontato senza filtri: "Qui ho un bel rapporto con tutti, Spalletti compreso". Che passione per i videogames: "A Fifa prendo il Barcellona, oppure la Roma e mi metto prima punta al posto di Dzeko"

Decisivo con un gol nella gara di Palermo, in dubbio per l’importante sfida di Europa League contro il Lione. Bruno Peres, a causa di un affaticamento muscolare, non si è allenato con la squadra nella mattinata di martedì e per ora le sue condizioni non fanno presagire nulla di buono in vista del match di giovedì sera. Ciononostante, l’esterno giallorosso non ha mancato all’appuntamento social organizzato dalla Roma e si è raccontato senza filtri: “A Roma mi trovo benissimo - ha detto durante l’#AskPeres - sono arrivato  in un gruppo fantastico e sono sempre insieme ai brasiliani”. L’ex Toro ha parlato anche dei suoi idoli d’infanzia: "A parte Ronaldinho, ho ammirato Ronaldo, il fenomeno. Sono cresciuto guardandolo giocare, per me è sempre stato fortissimo, è stato uno dei calciatori che ha fatto la storia non solo del Brasile ma del calcio mondiale”. Chi tra Maicon e Cafu? “Tutti e due - ha continuato Peres - È difficile  scegliere, ho un buon rapporto con entrambi, sono due esempi per me. Entrambi sono fortissimi”.

Esultanze, amicizie e hobby - Il rapporto con i compagni di squadra è ottimo: “El Shaarawy e Paredes sono due persone fantastiche, con loro mi trovo benissimo. Chi è il più pazzo? E’ una bella domanda! Ce ne sono tanti, e mi ci metto anche io nella lista”, ha continuato Peres. Il balletto con Rüdiger è ormai celebre: “Con lui gioco sempre. L’esultanza è nata come un saluto nello spogliatoio, è uscita all'improvviso. Ora lo facciamo quando uno dei due segna o anche prima di una partita”. Su Spalletti: “Mi trovo bene con il mister, così come con i compagni: credo di avere un buon rapporto con tutti. Non ho niente da dire, è un gruppo veramente fantastico, spettacolare”. E se non avesse fatto il calciatore… “Non so onestamente cosa avrei fatto”, ammette. “Magari il preparatore atletico, li avrei fatti correre (ride)! Il calcio è sempre stata una passione, essendo nato in Brasile. Da noi, quando si sa che una donna è incinta di un maschio, il papà porta subito il pallone”. E quanto tempo davanti ai videogames: “Gioco sempre a Fifa. Normalmente prendo il Barcellona, ma quando gioco con mio fratello scelgo la Roma e mi metto prima punta al posto di Dzeko! Così lui piange ancora di più…”, ha concluso ridendo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport