Spalletti: "Totti dovrebbe fare il vicepresidente. Sul futuro..."

Serie A
Luciano Spalletti, allenatore della Roma (getty)

L'allenatore giallorosso saluta il Capitano: "Merita un posto importante, va messo a disposizione della società. A volte con lui sono andato un po' oltre...". Nessun accenno al futuro: "Devo parlare con la società, poi faremo due discorsi"

#SKYGRAZIETOTTI: LO SPECIALE

Nel giorno dell’addio di Francesco Totti, anche quello di Luciano Spalletti. L’allenatore della Roma, a lungo salutato a fine gara dalla dirigenza giallorossa, non si è però sbottonato su quello che sarà il suo futuro (allenerà l’Inter, ndr), ma si è concentrato sul saluto al Capitano: “Mi rimarrà dentro questa grande festa per questo grande calciatore. L'emozione è stata calda e palpabile. Che ruolo consiglierei a Totti ora? Secondo me dovrebbe avere un ruolo importante. Ci ho parlato in questi giorni. Secondo me dovrebbe fare il vice-presidente. Penso si sia convinto di andare a fare un altro ruolo e va messo a disposizione della società. È chiaro che Totti, essendo un buon ragazzo, sa trasferire la sua semplicità negli spogliatoi. Lui riesce a non subire questa continua figura che gli viene attribuita perché se l’è meritata in campo. Lui diventa il capo branco e di conseguenza si rischia che questo possa diventare in teoria un suo limite, ma questo non avviene”. Il 3-2 il Genoa ha intanto permesso alla Roma di volare direttamente in Champions League: “La ciliegina è stata questa. Quando si arriva a queste partite qui, nonostante fossimo stati allertati, si fa uso di quelle che sono le cose che non sono andate bene. Abbiamo trovato un Genoa in salute e libero mentalmente. Ha cambiato molti giocatori e i loro giovani volevano dimostrare di essere competitivi. Il loro allenatore ha la tigna e sa trasferire tutto ai suoi calciatori. Ci hanno creato problemi importanti”.

"Futuro? Devo parlare con la società. Con Totti a volte ho esagerato"

Spalletti ha poi glissato sull’argomento relativo al futuro. Come detto un suo addio è ormai scritto: “Devo parlare con la società - ha ammesso nel post - poi faremo due discorsi”. Tornando sul rapporto con Totti: “Purtroppo dal mio ruolo si cerca di usare cose per creare reazioni alla squadra. Qualche volta ho usato anche Francesco anche perché mi viene sempre proposto lui, che è un asse trainante della società. Avrei dovuto stare attento al dosaggio, a volte sono andato al di là per far crescere la squadra nella testa. In futuro la squadra dovrà camminare senza di lui”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport