Condò: i due significati della maglia numero 10 a Dybala

Serie A

Paolo Condò

Dybala

Una scelta che lancia due messaggi molto chiari: togliere l'attaccante argentino dal mercato e confermargli la fiducia di una squadra e di un'intera società che adesso è ancora di più sulle sue spalle

La domanda era nata in studio la sera di Atalanta-Juventus, 28 aprile, anticipo del venerdì causa Champions e quindi unica gara della serata (il che permette in genere di approfondire gli argomenti). “Dybala, le piacerebbe vestire la maglia numero 10?”. La risposta era uscita facile e veloce, a dimostrazione che il tema - almeno privatamente - era già stato dibattuto. “Non ho intenzione di chiederla, sono affezionato al 21. Certo però che se fosse la Juventus a volermela dare…”. La presenza in collegamento di Alessandro Del Piero, che quella sera lanciò l’idea della sfida sui calci di punizione, spostò poi l’attenzione sul paragone diretto fra i due. Ma il seme del discorso, giustamente ripreso da giornali e siti, era stato piantato. La maglia numero 10 della Juve ha un valore iconico, e anche se ultimamente ne è stato fatto un uso improprio (Pogba c’entrava poco, per chi ama le tradizioni i numeri che “contengono” il francese sono il 6 oppure l’8), precedenti come Sivori, Platini, Baggio e Del Piero indicano una chiara linea dinastica.

La scelta di consegnarla a Dybala, che in questa rosa è evidentemente il giocatore di maggior classe, ha due significati. Il primo, operativo, è quello di toglierlo dal mercato: molte cose sono successe quest’estate, e l’onda lunga dell’affaire Neymar di qui al 31 agosto ne porterà delle altre. Non credo a un interesse immediato del Barcellona per Paulo, perché le sue caratteristiche tecniche - a partire dal piede migliore, il sinistro - non ricalcano quelle del brasiliano, ma quelle di Messi, che continuerà a lungo a essere fuori concorso. Non a caso il giocatore apparentemente più vicino ai catalani, Coutinho, è un destro naturale. Ma l’onda lunga di cui si diceva riguarda altri grandi club europei, e qui sì che qualche offerta pesante per Dybala sarebbe verosimile: la 10, in questo senso, è una specie di antifurto.

Il secondo significato è rivolto direttamente a Paulo: una conferma forte della fiducia del club ma anche un invito a prendersi maggiori responsabilità, perché al netto di serate strepitose come la gara d’andata contro il Barcellona, la seconda stagione bianconera di Dybala è stata complessivamente inferiore alla prima. Il motivo è semplice: giocando in coppia con Morata o Mandzukic, poteva permettersi la leggerezza della seconda punta, cercando il gol oppure l’assist con la tranquillità data dal fatto che la costruzione del gioco pesava sui centrocampisti alle sue spalle. Higuain è un partner diverso, un terminale assoluto (e superiore) che funge da prima opzione in ogni manovra d’attacco. Allegri ha cambiato l’assetto della Juve anche e soprattutto per sfruttarlo al meglio, ma togliendo un centrocampista ha implicitamente affidato a Paulo i compiti di regista offensivo. Che poi possa anche segnare tanto, è una conseguenza della sua classe. Ma la maglia numero 10 è il segno della leadership. E la Juve, da ieri, gliela chiede in modo esplicito.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche