Juventus-Fiorentina, Allegri: "Alla fine ero arrabbiato con Pjanic. Higuain deve reagire"

Serie A

L'allenatore bianconero commenta la vittoria sulla Fiorentina, che proietta la Juventus al primo posto in classifica insieme al Napoli. Soddisfatto per il risultato e la prestazione, spiega il perché della rabbia al fischio finale e elogia le prestazioni di Barzagli e Bentancur: "Buona partita, mi piace l'1-0"

Vittoria di misura e un po' sofferta, ma pur sempre vittoria. La Juventus batte la Fiorentina 1-0 ed è prima a punteggio pieno insieme al Napoli. Eppure, al fischio finale, Massimiliano Allegri è uscito abbastanza arrabbiato dal campo, per poi spiegarne il motivo a "Sky Calcio Show": "Ero arrabbiato perché alla fine abbiamo rischiato sulla palla poi salvata da Rugani e con Pjanic perché ha tirato da 50 metri anziché tenere palla e far finire la partita, quando mancava un minuto alla fine. Ma è stata una buona partita, questo risultato mi piace. Faccio i complimenti ai ragazzi: a Bentancur che ha fatto bene, a Sturaro che da terzino si è comportato bene, eccetto gli ultimi minuti in cui ha sbagliato qualche disimpegno. E complimenti anche al 'professor' Barzagli. Quando si gioca a calcio, a volte, nei momenti difficili basta una parola dentro al campo. E c'è bisogno di giocatori come lui".

"Higuain deve restare sereno"

Una vittoria arrivata facendo turnover: ben 5 cambi rispetto alla partita contro il Sassuolo. "Anche l'anno scorso cambiavo molto, oggi l'ho fatto perché chi ho messo in campo mi dava garanzie". E tra di loro si è distinto il giovane Bentancur: "Bentancur deve ancora migliorare tanto, ritarda un po' nella verticalizzazione. Però ha piedi, gioca sul lungo e sul corto, ha cambi di gioco: diventerà un calciatore davvero importante". Infine, una considerazione sul momento di Gonzalo Higuain, che forse soffre la mancata convocazione con l'Argentina: "Abbiamo parlato, ha 30 anni e sa che ci sono momenti in cui può segnare meno. Stasera però ha fatto bene, ha attaccato l'area e il gol è venuto grazie a un suo movimento. Deve solo pensare a quello che c'è da fare in campo, l'annata è ancora lunga per conquistarsi un posti in Nazionale. Per lui deve essere uno stimolo, deve reagire in maniera positiva".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche