Atalanta-Juventus, Allegri: "Il Var va usato solo su episodi oggettivi"

Serie A

L'allenatore bianconero dopo il pareggio contro l'Atalanta: "Abbiamo perso due palle in uscita e abbiamo preso gol, dovevamo gestirla meglio. Var? La vivo con tranquillità, ma bisogna valutare solo situazioni oggettive altrimenti le partite durano 4 ore. Dybala deve crescere, per lo scudetto ci sono Napoli, Roma e Inter"

Non bastano Bernardeschi e Higuain ed un vantaggio di due gol nel primo tempo per vincere a Bergamo. La Juventus pareggia e perde il primo posto, ora occupato in solitaria dal Napoli. I bianconeri ottengono soltanto un punto all'Atleti Azzurri d'Italia, subendo la rimonta dell'Atalanta. Questo il commento di Massimiliano Allegri: "Abbiamo perso due palle in uscita e abbiamo subito due gol: una la punizione e l’altra sul cross di Gomez – ha dichiarato l'allenatore bianconero - Abbiamo subito 5 gol come il Napoli ma nel primo tempo bisognava essere più reattivi sulla respinta di Gigi e nel secondo più presenti vicino alle palle. Bisogna migliorare su questo. Abbiamo lasciato due punti importanti, anche perché la squadra meritava di vincere per la prestazione. Dopo il 2-0 abbiamo allentato la pressione e la gestione della partita va fatta attiva: se c’è da difendere bisogna farlo bene, bisognava far addormentare la partita e andare a riposo sul 2-0. Gli episodi del VAR? Li guardo sorridendo ma ho una mia idea: non deve essere usato su episodi soggettivi ma solo su quelli oggettivi perché a marzo quando conterà di più le partite possono durare anche 4 ore. Dipende cosa si vuol fare del calcio: se andare verso fair play o se continuare a interrompere le partite e far sì che durino di più. Nel primo tempo abbiamo subito solo punizione di Gomez, la squadra ha fatto bene anche tecnicamente, giocando bene. Ci sono momenti quando non riesci a giocare corto in cui devi giocare sulle punte e far passare quei 2 o 3 minuti per tenere in mano la partita. Abbiamo rischiato anche di prendere i contropiedi in campo aperto, il campionato è lungo e il punto di stasera sarà molto importante". 

"Dybala deve crescere. Scudetto? Ci sono Napoli, Roma e Inter"

Dieci gol in campionato nelle prime sei partite, ma questa sera Dybala è stato protagonista in negativo con il rigore fallito nel finale. "Paulo è un ragazzo giovane, è cresciuto tanto ma deve crescere ancora: è un percorso di crescita che deve fare – prosegue - Ad un certo punto si è un po’ incartato, è stato determinante in questo inizio e lo sarà nel prosieguo del campionato. Bentancur? E' bravo nella prima aggressione ma deve migliorare molto nel verticalizzare di più e cercare la palla gol velocizzando". Sulla corsa scudetto, infine: "Il Napoli quest'anno avrà grandi possibilità di lottare per lo scudetto insieme a noi, la Roma e l’Inter".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche