Juventus, Barzagli: "Allegri ha ragione, concediamo troppo. Bonucci? Mi dispiace non trovarmelo di fronte"

Serie A

Successo largo nell’ultimo turno di campionato contro la Spal e inseguimento alla vetta della classifica che prosegue, ma per la Juventus anche i rimproveri di Massimiliano Allegri. L’allenatore bianconero nel post gara ha richiamato i suoi per l’atteggiamento mostrato in campo e per i tanti rischi corsi durante il match. Dello stesso avviso uno dei senatori della difesa della Juventus, Andrea Barzagli, che ai microfoni di Sky Sport ha parlato anche della prossima sfida contro il Milan e del cammino in Champions League.

Altri tre punti in classifica, ancora una vittoria in campionato nel match contro la Spal, ma tanti aspetti da migliorare per la Juventus. Nonostante il 4-1 contro la squadra di Semplici, a Massimiliano Allegri non è piaciuto l’atteggiamento mostrato in campo dai suoi calciatori: troppe le occasioni concesse agli avversari, un cambio di rotta netto rispetto a quanto accadeva negli scorsi campionati. "Se giocheremo così non batteremo il Milan", aveva detto l’allenatore della Juventus nel post gara. E a confermare la sua tesi è uno dei veterani della difesa bianconera, Andrea Barzagli. Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, il difensore classe ’81 ha commentato così le dichiarazioni di Allegri: "Le parole del Mister sono giuste, perché il suo obiettivo è quello di farci migliorare ancora di più – ha detto Barzagli -. Dopo dieci partite di campionato stiamo facendo molto bene sul piano realizzativo, ma stiamo concedendo forse qualche gol di troppo per dei cali che abbiamo durante le partite. Quindi è normale che l'allenatore sia arrabbiato, negli ultimi anni la Juventus ha sempre dimostrato grande solidità, vincendo le partite anche con scarti minori ma senza concedere reti. Di conseguenza questi cali lo fanno innervosire giustamente e penso che dobbiamo migliorare sotto questo aspetto. Credo che non si possa andare avanti con questa mentalità, non si può pensare che, grazie alla qualità dei giocatori davanti, alla fine un gol lo facciamo. Quando inizi ad incontrare squadre importanti, vedi anche la partita con la Lazio, poi non è facile fare tre o quattro gol: hanno un livello superiore e non è semplice segnare a queste squadre".

Le parole di Allegri

Dopo la vittoria contro la Spal, infatti, Allegri era intervenuto parecchio arrabbiato ai microfoni di Sky Sport: "Sul piano della prestazione la squadra ha fatto un passo indietro rispetto a Udine – aveva detto l’allenatore della Juventus -. Se giocheremo così non faremo risultato contro il Milan: siamo ancora sull'altalena e questo non va bene. Fino al 2-0 i ragazzi erano stati bravissimi, poi abbiamo commesso due errori per verticalizzare un'azione che non andava verticalizzata e siamo stati disattenti sul calcio d'angolo. Nel secondo tempo siamo stati fortunati che il loro gol sia stato annullato e dopo ci siamo dati una scossa: abbiamo talmente tante qualità che i gol li facciamo, ma per arrivare in fondo al campionato non dobbiamo avere questi alti e bassi, altrimenti le nostre partite diventano come una roulette. La soluzione è semplice: dobbiamo gestire meglio la palla e non dobbiamo uscire dalla partita. La squadra può fare tanti gol ma non deve abbassare la velocità di gioco e soprattutto non deve avere supponenza – aveva concluso Allegri - perché è solo un fatto di testa".

 

Il Milan sarà carico, servirà una grande partita. Bonucci? Mi dispiace non trovarlo

Non solo la vittoria contro la Spal, Barzagli è già proiettato alla prossima sfida di campionato contro il Milan. Tra i rossoneri non ci sarà Leonardo Bonucci, ex di turno squalificato dopo l'espulsione rimediata nella gara con il Genoa grazie al Var. "La sfida col Milan? Giochiamo contro una squadra importante nel loro stadio e sappiamo benissimo che in Milan-Juve chi vuol vincere deve dare qualcosa in più. Servirà battagliare e sarà necessario fare una grande partita sul piano tecnico - ha detto Barzagli -. In più servirà grande concentrazione, perchè il Milan farà una partita molto molto carica per far vedere che comunque sia non vale la classifica di adesso. L’assenza di Bonucci? Mi dispiace perché Leo è un grande giocatore, giocare contro i migliori fa sempre piacere. Allo stesso tempo sarebbe stata l’occasione per giocare contro un ex compagno di veramente mille battaglie e tante avventure. Peccato, ma magari sarà per un’altra volta".

Champions? Intanto pensiamo a passare il turno

E in chiusura per Barzagli una battuta sulla Champions League: il difensore ha chiarito come al momento l'unica cosa importante sia concentrarsi sul passaggio del girone. "La Champions è una competizione in cui le partite si preparano da sole: non importa caricarle, c’è già un’adrenalina che rende tutto più semplice - ha concluso Barzagli -. Intanto è importante passare il girone, poi dopo inizia il bello della Champions, che è una competizione aperta a tutto. In questi anni abbiamo fatto esperienza e abbiamo disputato due finali, sappiamo giocare le partite di Champions e siamo consapevoli che bisogna essere sempre al massimo perché si incontrano le migliori squadre d’Europa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche