Juventus, Buffon: "Smetto per rispettare le scelte del club che ha puntato su Szczesny"

Serie A

E' sempre decisivo eppure ha deciso di lasciare il calcio giocato a fine stagione. Il portiere della Juve, nel dopogara di San Siro, torna a parlare del ritiro: "C'è chi raccoglierà la mia eredità e io non voglio essere d'impaccio"

Dopo il match vinto dalla Juve sul Milan, Gianluigi Buffon, nonostante sia ancora decisivo per la sua squadra torna sulla decisione di chiudere la carriera a fine stagione. E' intervenuto nel dopogara ai microfoni di Sky Sport.

Verrebbe da chiederti: perché smetti?

"Smetto perché c’è un tempo per tutto e perché devo anche rispettare le scelte che fa una società, comprando dei portieri più giovani e anche magari più forti di me. Sai, un anno è anche giusto magari tenerli un po’ in panchina, farli giocare ogni tanto, poi però come è inevitabile che sia, loro devono prendere la mia eredità, devono farlo il prima possibile, io non devo essere d’impaccio e devo solo allenarmi per fare bene e concludere nel migliore dei modi quella che è la mia carriera, devo onorarla fino in fondo".

Anche oggi la reazione al momento giusto…

"Come dico sempre, quando le antenne sono dritte, le reazioni, le parate, e anche la fortuna, vengono di conseguenza. Questo è l’unico modo che conosco per poter stare a certi livelli ed esprimere il mio potenziale".

Oggi è partito un po’ meglio il Milan e voi siete usciti alla distanza. Allegri non si è praticamente mai arrabbiato.

"Sì, secondo me siamo stati molto bravi, perché volevamo partire in un altro modo, cioè aggredendo il Milan e cercando di metterli subito in difficoltà, invece ci siamo trovati a dover affrontare un altro tipo di partita, perché loro hanno spinto molto soprattutto inizialmente, ci venivano a pressare su tutti gli uomini di scarico e diventava complicato trovare una giocata che ci permettesse di respirare, di fare male a loro. Però siamo stati bravi perché abbiamo capito che era il momento di soffrire, di stare abbottonati, compatti, di mettere sacrificio ed esperienza nella gara. E oggi secondo me abbiamo dato le risposte che dobbiamo dare e che deve dare una squadra come la nostra, composta da giocatori come i nostri".

Cosa racchiudeva quell’abbraccio finale con Higuain? E cosa dobbiamo fare con il dvd dei suoi due gol?

"L’abbraccio è la soddisfazione, il riconoscimento ad un giocatore che ha avuto l’umiltà di rimettersi in discussione. A Udine gli ho fatto i complimenti perché lo sentivo, perché ho visto un atteggiamento da parte sua che è l’atteggiamento di chi non vuole andare nel dimenticatoio, di chi ha voglia ancora di scrivere pagine importanti. E questo lo fai attraverso il sacrificio, mettendoti sempre in discussione e dando l’esempio agli altri. Come ho detto a Udine, dove aveva vestito i panni del trascinatore, del gladiatore e aveva portato la croce, oggi ha cantato, ha portato la croce e ci ha aiutato a vincere. Èun esempio straordinario per tutti".

La tua fame si è vista quando sei uscito su Kalinic.

"Quando hai sfortuna, e quindi mi ritornano in mente i pali con la Lazio, i rigori sbagliati, è perché probabilmente noi come squadra non abbiamo messo in campo quella rabbia, quella ferocia per vincere la gara. E quindi il palo non sai perché non ti premia mai e la palla esce. Quando invece ci metti tutto questo tipo di agonismo e questo tipo di ferocia, non sai perché la palla magari colpisce il palo e va dentro se è a tuo favore, o colpisce la traversa e va fuori se attaccano gli altri. Tu dici forse è casualità? Ma io al caso non ci credo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche