Milan, 6 tifosi fermati dopo gli scontri: in Italia dopo il processo

Serie A

Scontri in metropolitana prima della gara di Europa League tra AEK Atene e rossoneri, 9 feriti tra cui tre in ospedale: fermati sei tifosi italiani in Grecia, verranno processati in direttissima e poi rimandati in Italia

Giovedi gli scontri in metropolitana tra tifosi prima della gara di Europa League tra Aek Atene e Milan, 9 feriti (3 in ospedale) e lanci di oggetti verso i tifosi del Milan nella stazione "Pefkakia". E ora, secondo le ultime informazioni della Farnesina, c'è anche qualche fermo: 6 tifosi italiani, infatti, verranno processati in direttissima e poi rimandati in Italia dopo la sentenza. 

Cosa è accaduto? 

Rissa e scontri in metropolitana, il tutto tra tifosi del Milan e altri dell'Aek Atene, prima della sfida di Europa League poi terminata 0-0. Circa 80 tifosi rossoneri - invece di raggiungere lo stadio scortati dalla polizia, come la maggior parte dei presenti ad Atene - hanno deciso di raggiungere lo stadio in metro. Cori, adrenalina pre-partita, tanto entusiasmo. E in tutto ciò c'è stato un assalto da parte dei sostenitori greci (secondo fonti locali, circa 30 persone). Pietre, fumogeni e lancio di oggetti nella stazione della metro. Secondo la polizia greca, inoltre, ci sono stati 9 feriti, 6 medicati appena fuori dallo stadio e 3 portati precauzionalmente all'ospedale "Erythros Stavros", ma nessuno sarebbe in gravi condizioni. 6 italiani fermati. 

I più letti