Torino, Belotti: "Tornerò a segnare, non è un'ossessione. E l'Italia..."

Serie A
Andrea Belotti, attaccante del Torino (Lapresse)

L'attaccante granata si racconta sul Corriere: "Italia? Eravamo tristissimi, alcuni hanno pianto negli spogliatoi". Su Miha: "Straordinario, è il primo che crede in noi e ci trasmette ogni giorno questa fiducia. E io tornerò a far gol"

LE PROBABILI FORMAZIONI

Nell'ultima giornata ha sbagliato un rigore, è reduce da un brutto infortunio e fin qui ha segnato soltanto 5 reti (3 in campionato, 2 in Coppa Italia): "Ma il gol non è un'ossesione, tornerò a segnare". Parola del gallo Belotti, che attraverso un'intervista sul Corriere si è raccontato così prima della sfida contro il Milan, che vedrà Mihajlovic contro il suo passato: "Lui è straordinario". E "nessuna pressione in più per la clausola da 100 milioni...".

"Tornerò a segnare"

L'anno scorso 26 reti, ora fermo a 3: "Il gol tornerà, non è un'ossessione. Il mio gol più bello col Torino? Quello contro il Sassuolo quest'anno, finora è quello che mi piace di più". Sul Milan, prossima avversaria nel prossimo turno di campionato: "Credo che sarà una partita dura, quando giochi a San Siro lo è sempre. Il Milan ha acquistato giocatori importanti: con tanti nuovi arrivi l'allenatore ha bisogno di tempo per far crescere il gioco". Infine su Miha: "Straordinario, è il primo che crede in noi e ci trasmette ogni giorno questa fiducia. E con il pallone tra i piedi se la cava ancora bene: in ritiro gli ho visto tirare certe punizioni...". 

"Italia? Abbiamo pianto tutti"

Così Belotti sull'uscita dal Mondiale e il pareggio di San Siro contro la Svezia: "Tutti eravamo tristissimi, gli italiani lo erano. Io ho scaricato l'amarezza subito, ho visto altri piangere negli spogliatoi, altri ancora lo avranno fatto una volta tornati a casa". Senza l'Italia, per chi tiferà Belotti? "Guarderò il Mondiale, ma non tiferò per nessuno, sono italiano". E Ventura, cosa ha detto ai ragazzi negli spogliatoi? "Parole che non intendo divulgare, ma non dimentico. Importanti e piene di sensibilità". Un aneddoto su Sheva, idolo del Gallo: "Se l'ho incontrato? Non ancora. Per il mio ultimo compleanno, però, mi hanno regalato un suo videomessaggio d'auguri: è stata una sorpresa meravigliosa. Lui in tribuna? Sarebbe un altro bel regalo". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche