Pioli: "Fiorentina in Europa. Io, la Lazio e il doppio palo di Djordjevic..."

Serie A
Stefano Pioli, allenatore della Fiorentina (Getty)

L'allenatore viola si è raccontato sul Corriere dello Sport. Lui, la viola e gli anni alla Lazio: "Sono stati due anni intensi perché l’ambiente romano è particolare. Rimpianti? Il doppio palo di Djordjevic in finale di Tim Cup"   

LE PROBABILI FORMAZIONI

Lazio-Fiorentina è la partita di Stefano Pioli, il grande ex di giornata. Due anni in biancoceleste, una qualificazione ai preliminari di Champions che mancava da anni e due finali perse, tra cui quella in Coppa Italia con la Juve. E ai supplementari, dopo un doppio palo di Djordjevic: "E' il mio più grande rimpianto a Roma". Domenica ci sarà Lazio-Fiorentina, Pioli si è raccontato al Corriere dello Sport parlando dei suoi due anni all'Olimpico e della sua nuova sfida personale: "Viola, ti porto in Europa! Chiesa resta qui, ha trovato il suo ambiente ideale".

"Lotito ti fa lavorare bene"

Un pensiero sul presidente biancoceleste: "Lotito è una persona intelligente che ti fa lavorare bene. La Lazio è una società più unica che rara, soprattutto in Italia. E’ gestita da due persone e il lavoro che fa Tare è incredibile. Fin quando c’ero io, era lui che visionava i giocatori, non c’era un settore riservato allo scouting. Eppure le sue capacità e la sua bravura hanno fatto sì che alla Lazio arrivassero ogni anno giocatori di qualità, importanti capaci di inserirsi alla perfezione nelle dinamiche del nostro calcio”. E ancora, sulla stagione in corso: "La Lazio è una squadra forte, ma per arrivare alle prime quattro dovrà comunque faticare. Se la giocheranno in cinque perché Juve, Napoli, Roma e Inter sono squadre veramente forti, però la Lazio ha battuto i bianconeri, ha perso il derby che è però una partita che esce da tutti gli schemi e pure col Napoli era riuscita a condurre la gara fino al rovesciamento di fronte da parte degli azzurri di Sarri. La Lazio è una squadra di alto livello e lo sta dimostrando in campionato e in Europa, dove ha già ottenuto la qualificazione alla fase successiva vincendo il girone”.

"Io, Milinkovic e il doppio palo di Djordjevic"

Sui ricordi: "“Sono stati due anni intensi perché l’ambiente romano è particolare. Sono arrivato quando c’era una frattura netta tra la tifoseria e la proprietà”. Qualche rimpianto: "Il doppio palo di Djordjevic e il derby d’andata”. Su Simone Inzaghi, che prese il posto di Pioli dopo aver perso il derby 4-1: "Non lo conoscevo così profondamente, il suo bel lavoro sta venendo fuori ora. Riconfermarsi è sempre complicatissimo”. Infine, un passaggio su Milinkovic, soffiato alla Fiorentina durante un'estate di trattative: "Per quanto riguarda questa operazione - dice Pioli - a me hanno detto che Tare aveva l’accordo con la persona giusta”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche