Verona-Juventus. Allegri: "Dybala? La testa conta, entro tre anni dovrà essere il migliore". I GOL

Serie A
Allegri, Juventus (Getty)

L'allenatore bianconero esalta le qualità di Dybala, grande protagonista del successo contro il Verona: "Ha un percorso da seguire, entro tre anni dovrà essere il migliore al mondo insieme a Neymar". Sulla gara: "A un certo punto abbiamo smesso di giocare, bravi i ragazzi a riprenderla"

LE PAGELLE

Tre punti per chiudere al meglio il 2017, Juventus che batte 3-1 l'Hellas Verona al Bentegodi e resta in scia al Napoli capolista (avanti di un solo punto). A commentare il successo bianconero ci sono le parole di Massimiliano Allegri ai microfoni di Sky Sport: "E' successo che a un certo punto abbiamo smesso di giocare, da lì abbiamo subito diverse ripartenze, abbiamo sbagliato molto tecnicamente; poi dopo il gol preso ci siamo riattivati. Abbiamo corso il rischio di lasciare punti su un campo difficile dove la Juventus non vinceva dal 2001, contro una squadra che attraversava un buon periodo. Sono stati bravi i ragazzi a riprendere La gara e a portare a casa il match. Noi abbiamo un calendario con cinque trasferte, è un momento decisivo per il campionato", le parole dell’allenatore della Juventus.

"Dybala? Entro tre anni dovrà essere il migliore insieme a Neymar"

Grande protagonista del match è stato Dybala, autore di una doppietta che ha regalato il successo ai bianconeri. Allegri commenta così la prova della Joya: "Sono contento, ha fatto due gol, poi ha iniziato a tirare bene anche le punizioni: questo è il segnale di come la condizione psicologica sia determinante. Paulo adesso si è rasserenato, questo è un punto di partenza: lui ha un suo percorso da seguire come tutti i giocatori, deve solo pensare a migliorare giorno dopo giorno. Nel giro di tre anni dovrà essere insieme a Neymar il giocatore più importante al mondo; oggi ci sono Messi e Cristiano Ronaldo ed è difficile, ma il suo percorso è quello: deve migliorare fisicamente, tecnicamente e mentalmente", ha ammesso Allegri.

"Mandzukic è un giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero avere in rosa"

Allegri si sofferma poi su alcuni singoli, iniziando dalla prova offerta da Lichtsteiner: "Lui ha vinto sei scudetti, ha carattere, qualità tecnica e cuore. Ha preso una botta clamorosa. Ha fatto una buona partita, è rientrato dopo dei problemi fisici, è una soluzione importante a destra. Mandzukic? E' uno di quei giocatori che tutti gli allenatori vorrebbero avere in rosa. Ha iniziato seriamente, poi dopo l'1-0 ha fatto diversi errori, è andato in risparmio energetico. Non si possono fare queste cose, abbiamo molte trasferte e dobbiamo fare punti. Duello test a testa con il Napoli? Contava staccare quelle dietro, anche se è lunga. Il Napoli ha fatto 99 punti nel 2017, ha numeri straordinari. Bisogna stare in scia e superarli. Certo se le vincono tutte non sarà possibile...", ha concluso l'allenatore della Juventus.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche