Roma-Atalanta, Di Francesco: "Nainggolan non convocato, ha fatto un grave errore. De Rossi out"

Serie A

Fine anno complessa per i giallorossi, che ora vogliono cominciare l'anno nel modo migliore, facendo risultato nella partita di domani contro l'Atalanta. Di Francesco presenta la sfida in conferenza stampa dal centro sportivo di Trigoria

LE PROBABILI FORMAZIONI - ROMA, VERSO STAFFETTA DZEKO-SCHICK

Lasciarsi alle spalle le difficoltà dell'ultimo periodo, tra la crisi di risultati e l'eliminazione a sorpresa dalla Coppa Italia per mano del Torino. Per farlo, serve vincere contro l'Atalanta, in modo da non perdere altri punti dal gruppo di vetta. Impegno delicato, per la Roma, che Eusebio Di Francesco ha presentato in conferenza stampa da Trigoria.

"Prima che mi chiedete di Nainggolan, ne parlo io. Con la linea dettata dalla società e condivisa da me, accettata pienamente dal giocatore, domani non sarà convocato. Questo si lega a un modo di fare continuativo per chiunque rappresenti la Roma. Non sono cose accettabili, chiunque sbaglierà pagherà allo stesso modo".

L'Atalanta ha entusiasmo, la Roma viene da tre partite difficili.
"Anche l'Atalanta in campionato ha fatto un passo falso, in campionato col Cagliari. E' l'avversario peggiore che ci poteva capitare ora, noi dobbiamo compattarci con determinazione, sapendo che abbiamo di fronte una squadra che ha grande fisicità e un grande allenatore, che ha dato filo da torcere a tutti. Però perché non dovremmo averne anche noi? Affrontiamo questa partita per vincerla, ci servirà sostegno del pubblico".

Dal punto di vista del gioco, cosa può mettere in difficoltà la Roma?
"Anche l'Atalanta può essere messa in difficoltà dalla Roma. La capacità sta nel portare il più possibile la palla nella metà campo avversaria. E' quello che abbiamo provato a fare nelle ultime gare, come col Sassuolo che verticalizzava molto. Dobbiamo giocare con la stessa mentalità, cercando di portare il più possibile la nostra aggressività".

L'attacco ha segnato poco nelle ultime settimane.
"E' un problema che ci portiamo da un po'. Ho qui dei dati, che sono importantissimi. Dove siamo veramente carenti è nei gol segnati, dove siamo settimi in classifica, ma abbiamo molto presidio territoriale e siamo la miglior difesa. Non siamo stati per niente bravi a finalizzare, perché tiriamo quanto il Napoli".

Monchi ha parlato di mentalità vincente, c'è stata un'involuzione? De Rossi sarà convocato?
"De Rossi non ci sarà per un problema muscolare. Il discorso del direttore lo condivido pienamente, la mentalità si costruisce anche nei momenti negativi, è il periodo peggiore da quando sono alla Roma e questo ci deve dare forza. Dobbiamo riportare la squadra sull'applicazione che aveva in precedenza".

Nelle ultime gare c'è stata scarsa opposizione sulle azioni di gol, c'è meno reattività?
"Sì, abbiamo subito molti gol negli ultimi metri. C'è stato qualche posizionamento sbagliato, per i calci piazzati abbiamo provato sia a uomo che a zona, la differenza sta nell'attenzione che mettiamo nelle marcature. I gol più brutti li abbiamo presi con Juve e Torino, poi se gli altri sono più bravi faremo i complimenti, ma al momento è colpa della nostra disattenzione e anche le piccolezze fanno la differenza".

Dopo quasi sei mesi di lavoro, uno dei giocatori che ha reso un po' meno è Strootman. Dove deve migliorare?
"Secondo me più ne parliamo e peggio può essere. Però ha un grande carisma ed uscire dalle difficoltà, che mi auguro possa essere resiliente. Ha dimostrato di essere un grande professionista, vi invito a vedere i suoi dati fisici durante le gare. Tutti si aspettano gol e assist in più ma sono convinto che ci riuscirà col lavoro di tutti".

Presente al discorso di Monchi c'era anche Totti, quanto conta la sua presenza?
"Francesco è fondamentale, era col direttore perchè rappresenta la società e ci può aiutare nelle dinamiche e nelle problematiche di spogliatoio ed è un grandissimo vantaggio averlo. Non lo dico tanto per dire, sta facendo un percorso importante e sono sicuro che stiamo dando anche noi qualcosa a lui in questi termini".

Perché aspettare così tanto per comunicare una decisione sul caso Nainggolan?
"Perché io parlo nelle conferenze non in altre situazioni, poi ci vuole ponderatezza in questi casi. L'importante è aver preso una decisione, non conta troppo quando. Poi le scelte vanno prese insieme, e cerchiamo di trasmettere una mentalità: si è vincenti anche nei comportamenti e nei modi di affrontare situazioni".

Nella Roma in cui ha giocato c'erano giocatori esuberanti. Da allenatore si è trovato mai a gestire situazioni simili?
"Mai successa una cosa del genere da allenatore. I social devono essere anche da esempio, Radja sa bene ciò che ha fatto. Posso capire se qualcuno ruba delle immagini, ma farsele da soli agigunge qualcosa in più. Si sta prendendo le sue responsabilità. Prima c'era un altro calcio e un modo di pensare differente e da calciatore potevo pensare in un modo, mentre da allenatore è giusto che si pensi in un altro".

Come sta vivendo Schick questo momento complesso? Domani ci sarà?
"Non giocherà, e qualora lo facesse non insieme a Dzeko. Gli abbiamo dato comunque troppo peso, me compreso, ne parlavamo anche quando non giocava. Secondo me dobbiamo farlo maturare e crescere prima dal punto di vista psicologico, gradualmente. Perché è un patrimonio del calcio, ha dei grandissimi mezzi, anche dopo una prestazione negativa come l'ultima col Sassuolo. Il giocatore ha mezzi tecnici a prescindere da dove sia posizionato, quindi non riuscire a fare cose semplici vuol dire che ci sono delle difficoltà. Ma sono convinto che con la sua umiltà può dimostrarci il giocatore che era nella Sampdoria, dove era impiegato in modo alterno".

Cosa si aspetta dal 2018 da chi è stato impiegato meno, come Under, Gonalons e Moreno?
"Domani Gonalons sarà della partita. Spesso quando si arriva in squadre così importanti ci vuole un periodo di adattamento, a volte ho forzato i tempi e qualche volta mi è andata bene, altre male. Mi auguro di poterli utilizzare ancor di più, ma credo di aver impiegato tutti nel modo giusto".

Ieri Florenzi ha detto che il 2017 è stato un anno buono per il secondo posto in campionato e il primo nel girone di Champions. Si parte dalle coppe per cambiare mentalità?
"In Champions siamo arrivati agli ottavi, il problema non è uscire o meno ma è il non accontentarsi, senza vie di mezzo. Non dobbiamo buttare ciò che di buono abbiamo fatto in questo momento, in questo momento non bisogna tralasciare nulla".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.